Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ballottaggi, Europee, rottura con Pogliese: parla Micciché
«Noi confusi? In Sicilia la Forza Italia più forte del Paese»

Intervista al presidente dell'Ars. Tra le Amministrative appena concluse e il prossimo appuntamento elettorale, passando per il rimpasto di giunta e la spaccatura tra gli azzuri siciliani. Su una cosa non ha dubbi: «Mai con Salvini, sono estremisti e violenti»

Miriam Di Peri

I risultati delle Amministrative, ma non solo. Dai rapporti con Salvini, alle dinamiche interne al governo regionale. Per passare, infine, alle tensioni in casa forzista. A meno di due anni dal ritorno alla guida dei berluscones in Sicilia, Gianfranco Micciché fa il punto sulla situazione politica e rilancia: «Il mio sarebbe un partito confuso? Ci possiamo sentire dopo le elezioni e commentiamo il risultato?»

Presidente Micciché, che ne pensa del risultato dei ballottaggi?
«Il dato dei ballottaggi è sempre difficile da leggere politicamente, sono situazioni in cui vengono favorite le persone, più che i partiti».

Però lei ha dichiarato che a Caltanissetta il vostro candidato era migliore del sindaco eletto.
«A Caltanissetta è successa una cosa particolare, perché il sindaco è stato eletto anche coi voti della Lega. Vede, la Lega ormai ha preso questo verso: se il candidato è il loro, allora il centrodestra si può fare, se è di un altro partito, no. A Caltanissetta se ne sono andati coi Cinquestelle e poi puntano il dito contro il laboratorio del polo moderato».

A proposito, come si evolverà questo progetto?
«È la storia che lo chiede, non deve essere Micciché a farlo. Io sono assolutamente convinto che il centrodestra a trazione leghista non può esistere, poteva esistere a trazione Forza Italia, non così». 

Cosa la convince meno?
«Questi qui sono estremisti veri, anche violenti in alcune occasioni, se vogliamo. Se Salvini fosse una persona tranquilla, si potrebbe anche pensare. Ma siccome Salvini si è montato la testa, bisogna fare qualcosa. Questa è una malattia, è evidente che c’è un problema. Il troppo successo o ce l’ha gente che è attrezzata, tipo Berlusconi, altrimenti dà alla testa, come quando non sei abituato a bere vino».

Per usare la sua stessa metafora, chi vede invece come buon bevitore, capace di gestire il successo senza ubriacarsi?
«Io questo non lo so. So come ci si confronta di fronte a un bevitore attrezzato, che ha avuto tante cose di successo, per cui non si ubriaca. Berlusconi è stato il primo grande imprenditore italiano, poi c'è stato il successo di Canale 5, c'è stato il Milan, è stata una vita segnata da tanti successi, per cui quando è arrivato in politica non ha perso la testa. La verità rimane questa: queste invece sono persone che hanno perso la testa».

Tornando alle dinamiche siciliane, lei è di ritorno da Ambelia, giusto?
«Sì, Ambelia è stata veramente una bella esperienza, ho mandato un sms a Musumeci quando sono andato via, sono rimasto davvero colpito. Non soltanto per la Fiera del Cavallo, ma per l'opera di riqualificazione, che deve essere un vanto non solo per la sua Catania, ma per la Sicilia intera, perché è la prova che quando si decide di fare il bene, si fa».

Da dove rilanciare l'azione di questa maggioranza, che negli ultimi mesi di certo non ha brillato?
«Non c’è motivo che si passi a nessun'altra maggioranza».

Più volte si è letta sui giornali l'ipotesi di un ingresso in giunta della Lega, dopo le Europee.
«La Lega ha un solo deputato al momento. Se vogliono un assessore o no lo sapranno loro e ne discuteranno col presidente. Il responso delle regionali ha dato a questa terra un governo che a noi piace molto così. La composizione di governo, per quanto mi riguarda, va benissimo così com’è».

Intanto però lei si trova anche a governare un partito che è un po' confuso, tra pezzi (fuoriusciti) che sostengono la Lega e altri che hanno parenti candidati in Fratelli d'Italia.
«Come ha detto? Confuso? Ci possiamo sentire dopo le elezioni e commentiamo il risultato? Qui in Sicilia abbiamo la Forza Italia più forte che c’è nel Paese. Un anno e mezzo fa, quando mi è stata assegnata questa grande responsabilità, Forza Italia veniva da una tornata di amministrative in 40 Comuni e non prese un solo consigliere comunale. Oggi io credo che la situazione sia molto diversa, i deputati sono tutti amici tra di loro e mi hanno chiesto loro la candidatura di Milazzo. C’è un partito che funziona, che ha una sua anima e una organizzazione in quasi tutti i Comuni».

Però c'è anche il fratello di una deputata candidato con Giorgia Meloni.
«Cannata? Se pur di candidarsi si candida in Fratelli d'Italia io non posso farci nulla».

E poi ci sono i catanesi.
«Quella è stata una vicenda differente».

Pensa che ci siano i margini per ricucire?
«Non ne ho idea. Io personalmente non ho rotto con nessuno. Pogliese ha fatto una richiesta che non era possibile portare avanti: Romano da una parte, La Via dall’altra. Forza Italia in Sicilia non poteva non avere un suo candidato nell'anno del ritorno di Berlusconi. Quella dell’area catanese è una bufala, Catanoso era già candidato, glielo avevo proposto io, poi abbiamo chiesto una donna e ce l’hanno rifiutata. Stanno costruendo un film che non è stato girato. Diciamo che hanno trovato una buona scusa per andarsene».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×