Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, imprenditore arrestato per bancarotta
Scoperto danno erariale di cinque milioni di euro

Le indagini della guardia di finanza sono iniziate, nel gennaio del 2018, dopo una segnalazione di operazioni bancarie sospette. Al rappresentante dell'impresa che opera nella produzione di fusti metallici sono stati sequestrati 14 fabbricati e 19 terreni

Redazione

Arrestato un noto imprenditore siracusano accusato di gravi reati tributari e fallimentari. La guardia di finanza aretusea ha individuato un debito erariale di quasi cinque milioni di euro e ha proceduto al sequestro di fabbricati e terreni per un valore complessivo di oltre quattro milioni di euro.

L'imprenditore, dominus di una impresa che opera nel settore della produzione di fusti metallici a Melilli nella zona industriale, nel tempo avrebbe messo in atto delle condotte distrattive sul patrimonio della società. Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Fabio Scavone e dirette dal sostituto procuratore Vincenzo Nitti, sono state eseguite dai militari del nucleo di polizia economico-finanziaria di Siracusa

In particolare, le fiamme gialle hanno acquisito elementi per consentire alla procura di avanzare l'istanza di fallimento della società, individuando in capo al suo amministratore reati di bancarotta fraudolenta per distrazione e di causazione dolosa del fallimento, oltre al reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte

Le indagini sono iniziate, nel gennaio del 2018, in seguito a una segnalazione di operazioni bancarie sospette. Nel corso dell'attività investigativa è emersa una fortissima esposizione debitoria della società caratterizzata da ingenti debiti erariali, quantificabili intorno ai 4,5 milioni di euro, oltre ai debiti nei confronti di terzi dello stesso valore. Gli approfondimenti delle fiamme gialle hanno portato alla luce il comportamento illecito del rappresentante legale della società che avrebbe messo in atto una serie di operazioni societarie finalizzate a trasferire gli asset produttivi della società a favore di altre società, appositamente costituite e sempre nella sua disponibilità, lasciando in capo alla società cedente l’ingente massa debitoria

Dopo l’avvio delle indagini della guardia di finanza, l'indagato avrebbe messo in atto delle operazioni finalizzate a svuotare la società dei suoi cespiti produttivi, continuando a gestire l’azienda attraverso altre società create ad hoc e rappresentate da suoi prestanome. In particolare, l'imprenditore avrebbe posto in locazione il ramo produttivo dell’azienda a una di queste e avrebbe avviato la liquidazione volontaria della società gravata di debiti per quasi 10 milioni di euro

A essere posti sotto sequestro sono stati 14 fabbricati e 19 terreni del valore stimato pari a euro 4 milioni 280mila euro. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Siracusa ha disposto anche la misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti dell’indagato, eseguita oggi dai militari. Inoltre, oltre all’arrestato, risultano indagati altri tre soggetti, individuati come suoi prestanome come rappresentanti legali delle società attraverso cui è stato realizzato il disegno criminoso.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×