Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, una denuncia per sfruttamento sul lavoro
Magazzinieri sottopagati e costretti a lavorare di più

Dagli accertamenti svolti dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro è emerso che il servizio di logistica era stato affidato all'imprenditore da un ente pubblico. L'azienda aveva sbaragliato la concorrenza con un ribasso esagerato

Redazione

Sfruttamento sul lavoro di cinque dipendenti su dieci. È questa l'accusa che i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro hanno denunciato in stato di libertà il titolare di una impresa di servizi del settore terziario

Durante l'attività investigativa, iniziata nel 2018, i militari hanno scoperto che gli addetti alle mansioni di magazzinieri erano stati assunti con contratti part time di 20 ore settimanali ma, in realtà, avrebbero svolto un maggiore numero di ore di lavoro. La paga oraria stabilita era sei euro l'ora, compresa la quota di 13esima, 14esima, ore di permesso retribuito e ferie non godute. In tal modo, i dipendenti non avrebbero maturato nessun trattamento di fine rapporto. Gli stipendi sarebbero stati intorno a 600 euro mensili, molto al di sotto delle retribuzioni che avrebbero dovuto essere intorno a 1.000 euro. 

Dagli accertamenti svolti, inoltre, i carabinieri hanno scoperto che i dipendenti avrebbero lavorato il 25 per cento in più rispetto alle ore segnate e che, in caso di assenza per malattia o ferie, il datore di lavoro avrebbe decurtato la retribuzione. Alcuni lavoratori, poi, sarebbero stati costretti a raggiungere la sede di lavoro a oltre 50 chilometri dal luogo di residenza, con un evidente aggravio economico a proprio carico. Stando alle informazioni acquisite dagli inquirenti, non sarebbero mancate le lamentele dei dipendenti che avrebbero fatto ricorso anche al sostegno di una associazione sindacale.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, la strategia del datore di lavoro sarebbe stata di creare disagio ai dipendenti a scopo ritorsivo. In quest'ottica, li avrebbe invitati più volte a dimettersi se non volevano accontentarsi di quanto gli veniva dato. Il servizio di logistica, peraltro, era stato assegnato all’imprenditore da un ente pubblico in seguito a gara d’appalto. Dagli accertamenti, è emerso che l’azienda aveva sbaragliato la concorrenza e vinto l’appalto grazie a un ribasso esagerato

Per quanto riguarda le spettanze economiche, i cinque dipendenti si sono avvalsi della conciliazione in sede sindacale, chiudendo il contenzioso in via stragiudiziale. In ogni caso, saranno avviati accertamenti per verificare la congruità delle intese raggiunte in sede conciliativa. Per gli aspetti penalmente rilevanti, invece, sarà l’autorità giudiziaria a valutare i fatti e ad adottare i provvedimenti del caso

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×