Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Enorme distesa di meduse a largo di Porto Empedocle
La Capitaneria: «È il segno che qui il mare è pulito»

A segnalarla il personale di una nave che stava entrando nel porto e che si è trovato davanti un'enorme macchia scura. Ipotizzando un presunto inquinamento, hanno chiamato la Capitaneria di Porto. Dall'analisi dei campioni ecco la scoperta. Guarda le foto

Redazione

Una distesa di meduse è stata individuata ieri a largo di Porto Empedocle. Una situazione anomala che la Capitaneria di Porto definisce «uno straordinario assembramento». A segnalarlo per primo è stato il personale di una nave, la Voge Julie, che stava entrando nel porto agrigentino. Durante le manovre di avvicinamento, si sono trovati davanti un'enorme macchia scura a circa 400 metri dalla costa e, ipotizzando un presunto inquinamento, hanno chiamato la Capitaneria di Porto, guidata dal capitano di fregata Gennaro Fusco. 

Inviata una motovedetta sul posto, i militari hanno riscontrato una scia di diverse centinaia di metri che a prima vista sembrava una macchia oleosa. E invece, prelevati dei campioni e inviati, tramite l'Asp di Agrigento, all'istituto zooprofilattico di Palermo, ecco la scoperta: nessun inquinamento, anzi il contrario. Si tratta di un'enorme colonia di medusa Velella Velella, tipologia chiamata anche By the Wind Sailor o Barchetta di San Pietro. Una specie non urticante per l'uomo, tecnicamente «specie planctonica appartenente al phylum Cnidaria, alla classe degli idrozoi ed all’ordine delle Anthomedusae». Ma, quel che è più importante, la Capitaneria di Porto Empedocle spiega che si tratta di meduse che si trovano in acque pulite e che attraggono numerose specie di pesci in vicinanza delle coste, tanto che spesso nelle zone di pesca viene anche utilizzata come esca. 

«Non creano nessun problema e si sposteranno da sole - spiegano dalla Capitaneria - perché vengono trascinate dalle correnti. Negli ultimi anni l’entità degli spiaggiamenti è notevolmente aumentata; al fenomeno sono state attribuite varie cause come ad esempio maggiori controlli degli scarichi in mare e quindi minore inquinamento marino».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.