Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Differenziata, la media regionale arriva al 37 per cento
Un quarto dei Comuni siciliani raggiunge la soglia Ue

Filtrano le prime indiscrezioni sui dati del primo trimestre 2019, dopo le polemiche tra il deputato pentastellato Giampiero Trizzino e l'assessore all'Energia, Alberto Pierobon, in merito all'attendibilità delle cifre relative al 2017

Miriam Di Peri

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Differenziata in crescita nei piccoli Comuni, ma le grandi città restano ancora lontane dall'obiettivo. Dopo l'ennesima polemica sull'attendibilità delle cifre sulla raccolta differenziata, tra i corridoi dell'assessorato di viale Campania a Palermo c'è una certa ansia di portare a termine il report sul primo trimestre dell'anno per dimostrare che il trend sia effettivamente in salita. 

Secondo quanto filtra dall'assessorato all'Energia, infatti, mancherebbe ancora l'attestazione di Palermo città, senza la quale la media risulta comunque inesatta. Ma il dato, da quanto raccolto dalle amministrazioni locali, sembrerebbe assestarsi sui 37 punti percentuali di media regionale. Numeri ben al di sopra del 22 per cento che la Regione registrava nel 2017, o del 31 per cento dello scorso anno

Un quarto dei Comuni dell'Isola avrebbe superato la soglia del 65 per cento di raccolta differenziata - oltre 80 sussurrano dagli uffici - mentre, ancora una volta, fanalino di coda tra le grandi città sarebbe Catania, con il 12 per cento di rifiuti riciclati. Il dato di Palermo non è ancora stato trasmesso (probabilmente arriverà in giornata), ma resta il riferimento dell'ultimo rilevamento di dicembre 2018, quando nel capoluogo la frazione differenziata arrivava al 18,6 per cento.

Cresce ancora il dato di Siracusa, lontana dalla soglia del 65 per cento, ma che arriva ai 26 punti percentuali. Fa un po' meglio di Messina che resta, comunque, ferma al 23 per cento. Nei prossimi giorni, la Regione potrebbe essere pronta a fornire i dati complessivi sul primo trimestre del 2019, mentre resta ancora in piedi la polemica tra il deputato regionale 5 Stelle, Giampiero Trizzino, e l'assessore regionale ai Rifiuti, Alberto Pierobon. Una querelle nata a seguito della diffusione da parte dell'assessore, dei dati relativi all'ultimo trimestre del 2018, rispetto ai quali l'esponente pentastellato sollevava perplessità in merito alla loro attendibilità.

Secondo Trizzino, infatti, la discrepanza tra i numeri forniti dall'Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e quelli forniti dalla Regione sarebbe «a volte anche di 20 punti percentuali», ma Pierobon ribatte che «chi ha esperienza nel settore rifiuti sa bene che anche i dati Ispra, che si rifanno ai Mud (modelli unici di dichiarazioni ambientali, ndr), avrebbero potuto non essere attendibili o, comunque, essere meno affidabili di quelli degli uffici del dipartimento Acque e rifiuti, oggetto di approfondimenti e incroci spesso effettuati. In ogni caso - conclude l'assessore - a partire dai dati del 2018, per alzare ulteriormente il livello di controllo, abbiamo proposto un approccio ancora più dinamico e dettagliato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.