Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mattia Lucarelli, a San Cataldo grazie a papà Cristiano
«Seguo i suoi consigli, da lui ho preso fame e cattiveria»

Il difensore, classe ’99, è il figlio dell’ex bomber di Lecce, Torino, Livorno e tecnico di Messina e Catania. «In Sicilia ho trovato calcio di alto livello, in questi mesi sono maturato tanto». Tante le somiglianze con il papà

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Sancataldese calcio

Foto di: pagina Facebook Sancataldese calcio

«Sono arrivato giù senza sapere benissimo dove e come ci sarei arrivato. Il fatto di vivere così lontano da casa di punto in bianco presentava tante incognite. La prima cosa che mi ha sorpreso è stata l’accoglienza, sia da parte dello spogliatoio, tutti bravi ragazzi, sia della gente». Il difensore classe ’99 Mattia Lucarelli, figlio dell’ex bomber e adesso tecnico Cristiano Lucarelli, parla così della sua avventura alla Sancataldese. Il calciatore, infatti, ha indossato la maglia verdeamaranto negli ultimi mesi, essendo arrivato in Sicilia nel mese di gennaio: «Il calore che c’è giù al sud - spiega il ragazzo a MeridioNews - è sorprendente. Sono arrivato tre giorni prima della partita col Bari, con cui ho fatto la mia prima presenza. L’impatto è stato bellissimo perché lo stadio era pieno e tantissimi tifosi ci hanno seguito anche in trasferta. La prima partita in casa mi ha emozionato tanto». Il giovane difensore traccia così un bilancio sulla stagione della squadra che sarà costretta ad affrontare i play out contro il Roccella per ottenere la salvezza: «La stagione è stata altalenante: abbiamo alternato grandi prestazioni a gare dove sono venuti a mancare i punti. E per questo siamo costretti ai play out, nonostante la squadra non sia assolutamente da play out. Abbiamo giocatori forti come Ficarrotta, Franza e Gambino che sono fuori categoria, quasi sprecati in serie D».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×