Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sistema Montante, l'arringa dell'avvocato Taormina
«Pena da contrappasso. Resta un vessillo antimafia»

La procura ha chiesto una condanna a dieci anni e mezzo per l'ex leader di Confindustria Sicilia. Per il suo legale sarebbe lo stesso arco di tempo in cui «ha operato all'insegna dell'antimafia». Il difensore è tornato anche sullo stato di salute e sulla sede del processo

Marta Silvestre

«È una richiesta di condanna che ha quasi il sapore del contrappasso». Così l'avvocato Carlo Taormina il legale dell'ex numero uno di Confindustria Sicilia Antonello Montante a conclusione della sua arringa difensiva che si è tenuta oggi al tribunale di Caltanissetta durante l'udienza sul processo che riguarda il sistema Montante che si sta celebrando con il rito abbreviato. Lo scorso 23 aprile, la procura ha chiesto una condanna a dieci anni e sei mesi per l'imprenditore originario di Serradifalco (in provincia di Caltanissetta) che è accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione

«Montante ha operato all'insegna dell'antimafia quasi per dieci anni e mezzo e pare che la pubblica accusa si sia ispirata a questo concetto: dieci anni e mezzo hai governato, dieci anni e mezzo stai in galera. Forse è una casualità ma a me è venuto in mente proprio questo». È la dantesca legge del contrappasso - il principio che regola la pena per analogia a essa - a ispirare i sospetti dell'avvocato Taormina che poi, seguendo la linea difensiva scelta, ha sottolineato che le accuse di mafia siano ormai cadute. «Qui c'è anzitutto da prendere atto - continua il legale - che da un punto di vista di implicazioni di carattere mafioso non ce ne sono assolutamente. Si tratta poi di capire se, all'interno di questo percorso, ci possano essere state delle situazioni che non siano andate secondo quello che avrebbe voluto la legge e questo sarà oggetto di accertamento». 

Insomma, per Taormina, Antonello Montante resta un simbolo dell'antimafia. «Rivendichiamo la titolarità in capo a Montante di essere stato e di essere ancora il vessillo dell'antimafia e chi lo vuole abbattere è il potere mafioso che è riemerso, purtroppo allineato a quello giudiziario che, inconsapevolmente, sta dando un forte contributo alla sua vittoria». Il legale è poi tornato a parlare anche dello stato di salute dell'ex leader di Sicindustria. «È veramente costernato, depresso, sta molto male anche fisicamente ma soprattutto è tormentato da questa accusa che lo ha fatto diventare da vessillo dell'antimafia a mostro addirittura colorato di mafia».

L'avvocato Taormina si è detto poco fiducioso sulla sentenza ma «convinto che questo processo avrà una svolta nel prossimo futuro perché qui c'è una interpretazione dei dati di carattere ideologico che ha portato a scambiare ciò che veramente era antimafia con qualcosa di diverso. Sta di fatto che contro la mafia non si muove nessuno». Il legale ha anche fanno un accenno alla questione della sede del processo. Lo scorso gennaio, infatti, la difesa ha chiesto che il procedimento venisse spostato per legittimo sospetto. In sostanza, perché a Caltanissetta i giudici non avrebbero avuto la necessaria serenità di giudizio. Il mese dopo, però, la Suprema corte ha ritenuto inammissibile la richiesta e ha deciso che il giudizio poteva proseguire nel tribunale nisseno. «Questa - conclude ora Taormina - non era la sede per poter fare il processo perché questi magistrati sono condizionati dalla preoccupazione che essere stati vicini a Montante per tanti anni possa essere stato qualcosa che oggi si possa ritorcere contro di loro. Una serie di comportamenti che naturalmente non consentono un giudizio sereno»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.