Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ballottaggi, si alza la tensione in casa Forza Italia
Mancuso contro Candiani: «È pesce fuor d'acqua»

L'ipotesi di un accordo trasversale tra Lega e Movimento 5 Stelle per il secondo turno nei Comuni di Caltanissetta e Gela surriscalda gli animi. Ad attaccare è il coordinatore forzista nel Nisseno, che punta il dito contro il luogotenente di Salvini in Sicilia

Miriam Di Peri

I ballottaggi per le Amministrative a Caltanissetta, Gela e Mazara del Vallo si avvicinano e si acuisce lo scontro, soprattutto nel centrodestra. Un'ipotesi sempre più concreta sembra essere quella del reciproco favore che Lega e Movimento 5 stelle potrebbero scambiarsi tra il capoluogo nisseno (dove al ballottaggio è approdato il grillino Roberto Gambino, che sfiderà il candidato di centrodestra Michele Giarratana) e Gela (dove il leghista Giuseppe Spata sfiderà Lucio Greco, sostenuto da pezzi di Pd e Forza Italia). Una possibilità, tutt'altro che remota, che ha creato non poco nervosismo in casa forzista.  A intervenire è il deputato regionale e coordinatore di Forza Italia nel Nisseno Michele Mancuso, secondo il quale senatore leghista Stefano Candiani, «un signore di Busto Arsizio» come lo definisce Mancuso, in Sicilia sarebbe «un pesce fuor d’acqua». 

«Le nostre città - prosegue Mancuso - non hanno bisogno di messia, ma di persone oneste e perbene che soprattutto conoscono il territorio e chi lo abita. Siamo stanchi dei conquistatori. Vorrei chiedere al sottosegretario Candiani cosa pensa davvero quando dopo un comizio sale sul suo aereo e va a duemila chilometri di distanza a dormire?».

«Le dico cosa penso io che dormo qui, in Sicilia, nella provincia di Caltanissetta? Penso - attacca ancora l'esponente forzista - che anche noi abbiamo il diritto di sognare una terra migliore e non saranno certamente i veneti a darcela. Semmai gli stessi siciliani, che ogni giorno lottano, soffrono e vivono una terra matrigna. Noi, signori leghisti, la Sicilia la vogliamo salvare senza perdere la dignità. Spero tanto che i politici siciliani, quelli veri, trovino finalmente la forza e la buona volontà per cacciare lo straniero dalle nostre città». Un riferimento non casuale, considerato il dibattito attorno ai migranti che continua a tenere banco nell'agenda politica, rispetto al quale il percorso politico tracciato da Gianfranco Miccichè è stato chiaro sin dai giorni della Diciotti

Così, qualora non fosse abbastanza esplicito, Mancuso rincara la dose: «Lo straniero non è chi viene a bussare in cerca di aiuto su un barcone, ma chi vuole comandare, come voi, in casa nostra dopo aver pregato Forza Etna e Vesuvio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.