Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci «tira dritto» e accusa i burocrati regionali
«Ricreazione finita, non ci sono più protetti e protettori»

Nel video in cui fa gli auguri pasquali ai siciliani, il presidente replica alle accuse dopo le recenti indagini che hanno coinvolto, direttamente e indirettamente, esponenti della sua maggioranza. «Attacchi di tanti frustrati». Quindi lancia messaggi all'interno dei palazzi palermitani

Redazione

Un video di auguri pasquali ai siciliani di Sicilia e a quelli «sparsi nel mondo» che diventa però occasione per il presidente della Regione Nello Musumeci per rispondere agli attacchi politici delle ultime settimane e per continuare a mandare messaggi all'interno dei palazzi palermitani. «Lavoreremo senza inseguire le mode - dice il governatore - non ci interessano le graduatorie, i sondaggi, gli umori, gli attacchi di tanti frustrati, di gente che tenta davanti a una tastiera su Facebook di riabilitare la propria condizione in un contesto sempre più avvelenato. Siamo tutti incattiviti, c'è gente che sputa veleno dalla mattina alla sera, gente che emette sentenze, ma io tiro dritto. Non mi potrà fermare niente». 

Musumeci replica così a chi lo chiama in causa sulla questione morale, a seguito di indagini che vedono in alcuni casi coinvolti direttamente esponenti della sua giunta e della maggioranza di centrodestra, mentre in altri casi, come la recente indagine della Procura di Palermo sul re dell'eolico Vito Nicastri e gli agganci alla Regione, chiamano indirettamente in causa assessori, come è stato per Alberto Pierobon e Toto Cordaro nell'ultimo caso. Il presidente della Regione non fa nomi e non accenna a nessun passo indietro. Anzi rilancia, ricordando piuttosto la recente rotazione di cinque dirigenti generali. «Pretendiamo di più da dirigenti e funzionari - afferma - la ricreazione dopo 15 mesi è finita. Come avrete visto, recentemente abbiamo adottato qualche provvedimento più serio e duro. Tutti dobbiamo fare la nostra parte, la politica e i burocrati, non ci sono più protetti e protettori. Se ne trovo qualcuno che pensa di continuare a fare il malandrino di turno, lo allontanerò senza pensarci un attimo».

Il governatore quindi, ricordando che la Sicilia «è la regione più degredata d'Italia e tra le peggiori d'Europa da oltre vent'anni», aggiunge: «Per sistemare questa terra non ci vuole l'aspirina, ci vuole il bisturi, servono misure impopolari, bisogna dire qualche no e io ne ho detti tanti. Chi verrà dopo di me troverà una regione normale. È facile sparare fuochi d'artigficio, mettere vernice, facile fare altre duemila assunzioni clienterali e poi ci siamo ritrovati 45mila precari che lavorano nella pubblica amministrazione senza potere progettare il futuro. Quel periodo è finito per sempre, nella pubblica amministrazione si lavora per merito».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×