Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A18, il 3 maggio il bando per la frana di Letojanni
Messina, dopo 25 anni completato svincolo Giostra

Aperta l'ultima rampa, utile a chi arriva da Palermo e per chi frequenta l'area universiaria dell'Annunziata. È stata l'occasione per l'assessore regionale Falcone di annunciare la pubblicazione del bando per la frana. Guarda le foto

Simona Arena

«Questo è un giorno importante anche perché mi dà la possibilità di ufficializzare che il 3 maggio va a bando l’appalto per la frana di Letojanni, che è una vergogna sulla A18». L’assessore regionale Marco Falcone oggi a Messina inaugura l’ultima rampa dello svincolo di Giostra e annuncia la data per l'apertura della gara sulla frana che da oltre tre anni impedisce la piena circolazione su una delle carreggiata dell'autostrada Catania-Messina. 

Intanto dalle 12 di oggi chi arriva a Messina da Palermo potrà utilizzare l’uscita che fin dalla sua realizzazione non era stata possibile aprire per vari intoppi. A tagliare il nastro della rampa di Giostra, oltre all’esponente della giunta Musumeci, il sindaco Cateno De Luca, l’ex primo cittadino Giuseppe Buzzanca e il presidente del Cas Francesco Restuccia, che ufficialmente deve ancora insediarsi. Non hanno perso l’occasione per esserci tanti deputati regionali, a cominciare dai Cinque Stelle Valentina Zafarana e Antonio De Luca, la deputata di Fratelli d’Italia Elvira Amata e anche l’ex deputato Beppe Picciolo

L’inaugurazione arriva dopo sette anni in cui gli automobilisti hanno dovuto incolonnarsi in un’unica corsia tre chilometri prima del viadotto Ritiro, oggetto di lavoro perché dichiarato a rischio sismico. Da oggi chi viaggia in autostrada non troverà più il restringimento ad un’unica carreggiata. L’apertura della rampa arriva con una settimana di anticipo rispetto alla data di consegna dei lavori prevista il 28 aprile. «Abbiamo fatto il possibile per rendere utilizzabile questa uscita prima delle vacanze di Pasqua - ha spiegato l’assessore Falcone - la ditta si è dimostrata disponibile a venirci incontro ed è riuscita a completare i lavori con sette giorni di anticipo». 

L’apertura di oggi servirà soprattutto agli abitanti della zona Nord e dei tanti pendolari che viaggiano per raggiungere l’area universitaria che sorge nella parte alta dell’Annunziata e per chi deve raggiungere dalla provincia tirrenica l’ospedale Papardo. A beneficiarne saranno anche tanti vacanzieri che approfitteranno delle vacanze pasquali per tornare nelle case estive. Un’inaugurazione che arriva però a quasi 30 anni dalla firma al ministero dei Lavori Pubblici per la costruzione di questi svincoli.

«Finalmente arriva l’apertura di questa rampa – ha sottolineato il sindaco De Luca – ci sono voluti 25 anni dall’inizio dei lavori. Ringrazio l’assessore regionale alle infrastrutture che in meno di un anno ha concretizzato la nostra richiesta di chiudere questa pagina vergognosa garantendo le coperture finanziarie mancanti. Ringrazio tutto lo staff del Cas per aver collaborato fattivamente per il completamento dei lavori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.