Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Europee, il caos nel centrodestra e la via di fuga
Si pensa a un partito sicilianista dopo esito urne

Autonomisti in rotta con Fratelli d'Italia, lotte fratricide in Forza Italia, divorzi eccellenti in Diventerà Bellissima. E un recente incontro tra Nello Musumeci e Raffaele Lombardo. Dall'attuale caos nel centrodestra potrebbe nascere un nuovo partito

Miriam Di Peri

I segnali, in questi mesi, ci sono stati tutti. Il congresso di Diventerà Bellissima, che ha approvato la relazione in cui Nello Musumeci invitava a restare neutrali alle Europee, in un'ottica di rafforzamento delle politiche territoriali. La nomina del fedelissimo di Raffaele Lombardo, l'autonomista Antonio Scavone, al vertice dell'Assessorato alla Famiglia. Il divorzio elettorale tra Fratelli d'Italia e gli autonomisti. Infine la profonda spaccatura in casa forzista, con l'addio di Basilio Catanoso e Salvo Pogliese, tutti pezzi determinanti nel centrodestra siciliano, che a poco più di un anno dall'avvio della legislatura, sembrano essere parte di una maionese impazzita. Sembrano, perché in realtà i segnali di un nuovo percorso,  appunto, ci sono già. E nelle retrovie qualcuno si avventura già a immaginare in che modo possano cambiare gli scenari dopo il voto delle europee. 

Molto dipenderà da alcuni risultati eccellenti, primo tra tutti il capogruppo forzista all'Ars, Giuseppe Milazzo, sulla cui candidatura gli occhi del centrodestra restano puntati. E sono in tanto a remare contro la candidatura fortemente voluta dal commissario forzista Gianfranco Micciché e che ha portato alla spaccatura del partito, sostenendo talvolta il nome di Saverio Romano, più spesso con l'obiettivo di portare avanti il nome di Salvatore Cicu, che vanta tra i suoi big sponsor in Sicilia Pippo Fallica. Il risultato di questo derby in casa forzista potrebbe avere esiti inaspettati, mentre a goderne potrebbe essere verosimilmente Dafne Musolino, la candidata del sindaco di Messina Cateno De Luca

Per il resto, sembra la tempesta perfetta, un caos assoluto in cui ogni esponente politico immagina scenari differenti dall'altro. Resta, però, un filo, che lega gli strani percorsi dei partiti di centrodestra in questa fase di costruzione delle liste. Quello della vocazione territoriale, rivendicata da tutti a tutti i livelli. Col sogno mai celato da più fronti di costruire un grande partito di centrodestra sicilianista. Proprio in quest'ottica ci sarebbe stata un'interlocuzione diretta, negli scorsi giorni, tra Nello Musumeci e il suo predecessore Raffaele Lombardo, che sembrano avere sotterrato definitivamente l'ascia di guerra. E nella stessa direzione sembrerebbero andare le dichiarazioni di Salvo Pogliese dopo l'addio a Forza Italia. In un'intervista a Meridionews, il primo cittadino del capoluogo all'ombra dell'Etna ha infatti ammesso che «una delle ipotesi è che a livello regionale si possa costruire qualcosa di nostro». Insomma, ancora una volta una fetta di centrodestra che pensa a una forza politica sicilianista.

Le bocche al momento restano cucite e le conferme sono rade, ma c'è anche chi si abbandona a uno slancio di sincerità. Esiste dunque un'interlocuzione nel centrodestra per costruire un unico partito a vocazione territoriale? «Mentirei se lo confermassi - ammette Antonio Scavone -. Ma reitererei la bugia se dicessi che non è così».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×