Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A scuola col tablet al posto dei libri, proposta M5s
«Gli zaini dei nostri bambini sono troppo pesanti»

Il deputato agrigentino Giovanni Di Caro presenterà un emendamento al collegato della finanziaria per inserire paletti sul peso degli zaini nelle scuole elementari siciliane. «Già oggi diverse case editrici forniscono i testi anche in versione digitale»

Salvo Catalano

Zaini troppo pesanti, meglio sostituire i libri con un unico tablet che abbia dentro tutti i testi scolastici. La proposta, finalizzata ad alleggerire il carico sulle spalle dei bambini delle scuole elementari siciliane, arriva dal deputato agrigentino del Movimento 5 stelle Giovanni De Caro che ha deciso di presentarla all'assemblea regionale. Nella norma verranno inseriti anche precisi limiti per il peso degli zaini: non dovranno superare il 15 per cento del peso corporeo dello scolaro che lo regge, o del 10 per cento, nel caso di alunni dalla corporatura esile.

Addio dunque al caro e vecchio libro? Niente più pagine sfogliate, sottolineate, e su cui prendere appunti? «Il mio - dice De Caro - non è un modo per far andare nel dimenticatoio i testi cartacei. Sono un ingegnere informatico ma amo i libri. Ma perché costringere i bambini a portarne molti ogni giorno a scuola? Già oggi diverse case editrici forniscono i testi anche in versione digitale, che potrebbe essere usata in classe, lasciando il cartaceo a casa».

In attesa della rivoluzione dei tablet, il parlamentare pentastellato suggerisce alle scuole di dotarsi di armadietti ad uso esclusivo degli alunni, dove lasciare i libri. «Se la norma dovesse passare in aula - spiega Di Caro - sarebbe comunque un atto di indirizzo, spetterebbe poi da una parte ai sindaci tenere a bada il fenomeno e ai presidi indirizzare i progetti Pon al finanziamento di questa attrezzatura». 

Al deputato agrigentino l'idea è venuta mentre accompagnava delle scolaresche della sua provincia in visita all'Assemblea regionale. «Ho sottoposto la proposta a 90 bambini di Aragona ed è stato un plebiscito. Poi tanti genitori mi hanno contattato per chiedermi di andare avanti». Adesso verrà presentata sotto forma di emendamento al collegato alla finanziaria, tribolato documento contabile la cui discussione viene rinviata di settimana in settimana all'Ars e che verosimilmente tornerà a essere trattato solo a fine maggio, dopo le elezioni europee. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×