Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La battaglia della cameriera contro il lavoro nero
«Chiedo ai colleghi un fronte comune di resistenza»

Alessia Incontro ha 38 anni, da venti lavora nella ristorazione e ne ha solo quattro di contributi. «Conosco centinaia di persone nella mia condizione», spiega a MeridioNews. Lei ha cominciato a rifiutare e ha creato un gruppo «ottenere il rispetto dei diritti»

Marta Silvestre

«Ho pensato per settimane a come esprimere il mio disappunto e, insieme, la mia comprensione per i miei ex colleghi e i miei ex datori di lavoro». Alessia Incontro, 38enne di Villasmundo (frazione di Melilli, nel Siracusano), alla fine un modo lo ha trovato. Sul suo profilo Facebook ha pubblicato lo screenshot di un messaggio inviato ai proprietari di un locale della sua zona che le avevano proposto di lavorare come cameriera a condizioni che ha ritenuto «inaccettabili: dieci ore al giorno, senza riposo settimanale e senza contratto per 3,50 euro l'ora», racconta a MeridioNews

Nel settore della ristorazione Alessia lavora da oltre vent'anni. «Ho cominciato che avevo 16 anni e - dice con rammarico - in tutto questo tempo ho solo quattro anni di contributi pagati. Ho sempre avuto la speranza di trovare datori di lavoro che mi mettessero in regola». C'è poi un evento nelle vita della donna che cambia il corso delle cose. «A novembre del 2018 ho avuto un incidente stradale, ho riportato molte fratture e sono stata ingessata per tre mesi. Dopo circa dieci anni che lavoravo per loro, ho chiesto ai titolari la cortesia di mettermi in regola - sottolinea - e loro mi hanno chiesto metà dei contributi». 

«Ho sempre pensato che sarebbe un lavoro bellissimo se fosse regolamentato e, invece, in quest'ambiente lavorativo, troppo spesso - aggiunge - vengono considerate normali condizioni che, in realtà, sono assurde. E conosco centinaia di colleghi che, molti anche per necessità, quelle condizioni le accettano. L'ho fatto anche io in passato, poi ho campito che avere 50 euro in tasca non paga e non permette di costruire una vita, nemmeno professionale». È durante il lockdown che Alessia decide di creare un gruppo su Whatsapp in cui riunire le diverse professionalità che ruotano attorno al mondo della ristorazione - in particolare nella zona di Lentini, Carlentini e Augusta - a cui «chiedere di rifiutare di lavorare in nero. L'intento - aggiunge - era quello di fare un fronte comune di resistenza per chiedere il rispetto dei nostri diritti». Una modalità che all'inizio stava prendendo forma con un centinaio di iscritti attivi. 

Quando le misure restrittive si sono allentate e la vita è pian piano ripresa, «ognuno è tornato al proprio posto, una buona metà dei partecipanti è uscita dal gruppo - dice Incontro - chi è rimasto è diventato un fantasma e mi sono anche sentita dire che “tanto è una guerra persa". Il problema è che quella guerra nemmeno la fanno». Una chiamata alle armi che sarebbe stata la base per creare «un'associazione di tutela per tutti gli addetti del settore della ristorazione». Avendo deciso di non scendere più a compromessi, Incontro dalla fine del lockdown ha lavorato un solo giorno «con un contratto a chiamata. Quello che vorrei direi ai miei colleghi - conclude - è di non essere deboli di fronte a subdoli ricatti da parte di imprenditori, di non diventare mai schiavi». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews