Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Padre Vincenzo Puccio, una vita tra corsa e preghiera
Prete in gara per il Vaticano ai Giochi dei piccoli Stati

Il sacerdote, originario di Salemi ma parroco a Barcellona Pozzo di Gotto, è anche un atleta e difenderà i colori del Vaticano ai prossimi Giochi dei piccoli stati, in programma in Montenegro dal 27 maggio: «Mini Olimpiadi sono occasione per evangelizzare»

Giorgio Tosto

Foto di: GENERALI MILANO MARATHON 201

Foto di: GENERALI MILANO MARATHON 201

Ai Giochi dei piccoli Stati, appuntamento biennale nato nel 1985 che quest'anno si svolgerà in Montenegro (27 maggio-1 giugno), ci sarà anche un prete siciliano: l'obiettivo di padre Vincenzo Puccio, 45 anni, di Salemi, è quello di provare a trionfare sia nei 5000 metri che sulla distanza doppia. «Potrei essere uno dei favoriti, me la posso giocare», afferma il parroco di Santa Venera (frazione di Barcellona Pozzo di Gotto): il sacerdote è uno dei fiori all'occhiello del team Athletica Vaticana, prima associazione sportiva nata Oltretevere il cui intento primario è quello, attraverso la corsa, di promuovere solidarietà e spiritualità.

Un risultato di rilievo per il prete-maratoneta, la cui passione per la corsa è sbocciata grazie alla perseveranza di un grande maestro come Tommaso Ticali. «La mia vocazione per l'atletica - ricorda Puccio - è nata alle scuole medie, grazie ai Giochi della gioventù. Ho incontrato Ticali ai campionati regionali di Enna, chiedendogli se potesse allenarmi e intraprendendo così questo nuovo cammino». Le sue vicende da atleta, poi, hanno avuto alti e bassi e interruzioni: nel frattempo, infatti, è arrivata la scelta della vocazione sacerdotale: «Ho dovuto lasciare lo sport per 17 anni: la passione è nuovamente riemersa, dopo essere diventato parroco, a 38 anni». 

«Recandomi a una benedizione, ho conosciuto un ragazzo che correva maratone, mi sono quindi proposto per ricominciare ad allenarmi». Il battesimo del fuoco, in gara, è stata la mezza maratona Roma-Ostia: gara corsa anche quest'anno col tempo di 1 ora 12 minuti 25 secondi. Stoffa e talento ci sono sempre state, la convinzione è invece tornata gradualmente: il 2019 ha portato grandi risultati, con la vittoria alla mezza maratona di Capo d'Orlando e la partecipazione alla Milano Marathon, chiusa in 2h 35'58'' (il suo record personale è di 2h 29'11'', alla maratona di Treviso, ndr). «Il Signore mi ha dato questo dono - afferma padre Vincenzo - cosa che mi permette anche di dare supporto spirituale agli atleti con cui vengo in contatto». Tra loro c'è anche l'azzurro Stefano La Rosa: «Ho fatto il riscaldamento con lui prima della partenza, a Milano: mi ha chiesto la benedizione». 

Gli appuntamenti da non perdere, ora, sono due: il 12 maggio una corsa ecumenica, in Germania, sulle orme di Martin Lutero. Quindi, il grande appuntamento dei Giochi in Montenegro. «Voglio vivere bene questa opportunità, sto realizzando un sogno. Per me è una gioia enorme, ci tenevo tanto ad entrare in un gruppo sportivo. Le mini-Olimpiadi, poi - ammette Puccio - saranno anche una occasione per evangelizzare: andremo a rappresentare la figura di Papa Francesco». Proprio il pontefice ha esaltato il ruolo dello sport come ambito privilegiato d'incontro: «Successo e sconfitta sono un mezzo di condivisione, un catalizzatore di esperienze».

La Sicilia, ovviamente, resta in prima linea. Uno dei progetti a cui padre Vincenzo sta dando il suo contributo è quello di ripristinare la pista d'atletica dello Stadio D'Alcontres di Barcellona Pozzo di Gotto, allo scopo di creare un progetto che coinvolga i ragazzi del luogo, includendo anche i diversamente abili. «Sarà una bella opportunità per fare gare a livello regionale, in una pista con un manto omologato». In questo c'è anche un pizzico d'amarezza: «È importante - conclude padre Vincenzo - riportare i valori dello sport nelle scuole. L'attività sportiva, con i Giochi della gioventù in testa, ha dato in passato un grande contributo per formare gli atleti del futuro: è questa la direzione che andrebbe intrapresa». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×