Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Marsala, quattro arrestati e 10 indagati per droga 
Casa affittata utilizzata come centrale di spaccio

In carcere sono finiti i fratelli Vincenzo e Alessio Sparla, agli arresti domiciliari sono stati posti Nicolò Titone e Ignazio Mannone. Nel corso delle indagini, è emersa una fitta rete di pusher che avrebbero rifornito anche l'isola di Favignana. Guarda le foto

Redazione

Sono finiti in carcere i fratelli Vincenzo e Alessio Sparla (rispettivamente classe 1983 e 1985) e agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico Nicolò Titone (classe 1970) e Ignazio Mannone (classe 1990). All’alba di ieri, la polizia ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare con cui il gip di Trapani, a seguito di un'indagine condotta dal commissariato di Marsala e dalla squadra mobile di Trapani. 

Ignazio Mannone

Nicolò Titone

Alessio Sparla

Vincenzo Sparla

L’indagine, che ha portato complessivamente alla denuncia di 14 cittadini marsalesi, è iniziata nel febbraio del 2017. Allora, la sezione investigativa del commissariato di polizia di Marsala ha colto i fratelli Sparla in un’abitazione da loro affittata nella piazza Carmine per essere adibita a centrale di spaccio. I successivi esiti investigativi hanno ricostruito un complesso scenario criminale, nell’ambito del quale i fratelli Sparla si sarebbero distinti per essere tra i principali approvvigionatori di cocaina sulla piazza di Marsala. Attraverso una fitta rete di fiancheggiatori e di pusher, gli Sparla avrebbero rifornito anche l’isola di Favignana, dove avrebbero potuto contare sulla collaborazione di Ignazio Mannone, che avrebbe trasportato la droga utilizzando gli aliscafi in partenza da Marsala.

Tra gli altri fornitori di Mannone vi sarebbe stato anche il pluripregiudicato Nicolò Titone, già gravato da diversi precedenti specifici e anche per reati contro il patrimonio e in materia di armi. Durante le indagini, Alessio Sparla e Ignazio Mannone sono stati già arrestati per detenzione ai fini di spaccio e per cessione di cocaina. In particolare, a seguito di una perquisizione domiciliare, Sparla è stato trovato in possesso di un cospicuo quantitativo di cocaina destinata allo spaccio mentre Mannone è stato arrestato dopo avere ceduto droga a un assuntore marsalese. Durante l’esecuzione della misura, nell’abitazione di Vincenzo Sparla è stata trovata una pistola Beretta calibro 7.65, completa di munizionamento, nascosta nella camera da letto e detenuta illegalmente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×