Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mazara, un 38enne arrestato per lesioni gravissime
Autore dell'accoltellamento di giovedì in piazza Regina

Il 4 aprile i carabinieri sono intervenuti sul posto notando a terra un uomo gravemente ferito in varie parti del corpo. Compresa la gravità dell’episodio, hanno immediatamente richiesto l’arrivo di un’ambulanza per far soccorrere l’uomo ferito

Redazione

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, nella giornata di giovedì 4 aprile scorso hanno tratto in arresto: il tunisino Karim Rafrafi, 38 enne, a seguito di una lite con accoltellamento per il reato di lesioni personali gravissime.

In particolare, gli equipaggi della Sezione Radiomobile e della Stazione Carabinieri, impegnati in servizi di controllo del territorio, intervenuti in Piazza Regina notavano a terra un uomo gravemente ferito in varie parti del corpo. I militari dell’Arma, compresa la gravità dell’episodio, hanno immediatamente richiesto l’arrivo di un’ambulanza per far soccorrere l’uomo ferito.

Parallelamente, un’altra pattuglia dell’Arma, notava in via delle Sette Chiese un altro uomo a terra in stato semi cosciente anch’egli gravemente ferito al capo. I successivi e immediati accertamenti di indagine, tra cui l’escussione di numerosi testimoni e l’acquisizione di molteplici filmati di sistemi di video sorveglianza, hanno consentito di comprendere come i due uomini feriti avessero avuto poco prima una violenta lite, per futili motivi, proprio in questa Piazza Regina. 

Le immediate attività di indagine hanno consentito di identificare l’accoltellatore nel tunisino Karim Rafrafi, 38enne poi dichiarato in stato d’arresto per l’ipotesi di reato di lesioni gravissime e l’accoltellato in un altro cittadino tunisino 32enne che, a seguito delle ferite subite, è stato trasportato prima presso l’ospedale Abele Ajello di Mazara del Vallo e poi trasferito presso l’ospedale Villa Sofia di Palermo dove gli sono state diagnosticate diverse ferite da taglio in varie parti del corpo tra cui collo, torace e alla spalla ove permane in stato di osservazione. 

A seguito della violenta aggressione, anche Rafrafi riportava delle ferite al capo e procurate da un colpo alla testa inferto con un bastone poi trovato dai militari dell’Arma e sottoposto a sequestro unitamente al coltello. Nella giornata del 6 aprile, il giudice di Marsala ha convalidato l’arresto ed ha emesso nei confronti di Rafrafi la misura cautelare degli arresti domiciliari.

(Fonte: Comando provinciale dei carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×