Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Delitto Marsala, indagini in corso per trovare il movente
Procuratore: «Accertamenti su amicizie e frequentazioni»

«Non c'è nessun elemento che faccia pensare che Nicoletta Indelicato sia stata uccisa in un luogo diverso da dove è stato trovato il cadavere». Così il capo della procura di Marsala, Vincenzo Pantaleo. Da ricostruire cosa abbia spinto Bonetta e Buffa a ucciderla

Marta Silvestre

«Ad oggi, non è emerso alcun elemento che faccia presupporre che Nicoletta Indelicato possa essere stata uccisa in un luogo diverso da quello in cui è stato trovato il suo cadavere». A escludere che il delitto possa essere avvenuto in un luogo diverso rispetto al vigneto di contrada Sant'Onofrio, a circa sette chilometri a est del centro cittadino marsalese, è il procuratore di Marsala Vincenzo Pantaleo che coordina le indagini dei carabinieri. 

La 25enne, di cui i familiari avevano denunciato la scomparsa, è stata uccisa la notte tra il 16 e il 17 marzo scorso. Per il delitto sono stati arrestati il 34enne Carmelo Bonetta e la 29enne Margareta Buffa. Per entrambi, le accuse sono omicidio e soppressione di cadavere. La giovane è stata uccisa con dodici coltellate: mortali quelle alle spalle, che hanno raggiunto i polmoni, e al collo. Poi, il corpo è stato parzialmente bruciato. Sul movente non è ancora stata fatta chiarezza e le indagini continuano. «Ci sono accertamenti in corso - dice il procuratore capo di Marsala - funzionali a ricostruire il giro di amicizie, le frequentazioni e la vita svolta da Nicoletta Indelicato, per capire il contesto in cui si muoveva la ragazza e in cui è maturato il delitto».

Durante l'interrogatorio di garanzia davanti al giudice delle indagini preliminari di Marsala, Marghereta Buffa si è discolpata addossando tutte le responsabilità su Bonetta: «Io non c'entro nulla con il delitto. Sono stata sua vittima anche io». Nella stessa occasione la 29enne ha affermato di non essere legata da nessuna relazione sentimentale con il 34enne. 

Le ricostruzioni degli spostamenti (prima in un bar del centro di Marsala e poi in auto verso contrada Sant'Onofrio) fatte dai due coinciderebbero tra loro, almeno a grandi linee. Le due versioni divergono, però, su alcuni particolari fondamentali. Margareta ha dichiarato che Bonetta le aveva detto che si sarebbe nascosto nel bagagliaio della sua auto - una Lancia Y - soltanto per «fare uno scherzo» ma poi è uscito e ha accoltellato e dato fuoco a Nicoletta, mentre lei era sotto choc per quello che stava accadendo. L'uomo, invece, durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip Riccardo Alcamo ha raccontato che l'auto si sarebbe fermata in quel luogo perché lì ci sarebbe un'antica cappella abbandonata scavata nella roccia dove lui sapeva che si compiono riti satanici o messe nere. Davanti allo stesso magistrato, però, la ragazza ha affermato la sosta è stata dovuta al fatto che l'auto ha avuto un «guasto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×