Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Montante, per il Riesame c'è l'associazione a delinquere
Cade invece il reato per il colonnello dell'Aisi D'Agata

I giudici del Tribunale del Riesame capovolgono quanto sostenuto dalla Cassazione che aveva annullato con rinvio il reato di associazione a delinquere per l'ex numero uno di Confindustria

Redazione

È confermato che Antonello Montante possa essere ritenuto il capo di un'associazione a delinquere che quindi è configurabile, a differenza di quanto sostenuto recentemente dalla Cassazione. Allo stesso tempo è certificata la correttezza della misura cautelare in carcere emessa dal gip nell' operazione Double Face. È quanto sostiene il Tribunale del Riesame di Caltanissetta che ha confermato l'ordinanza emessa dal gip Maria Carmela Giannazzo sfociata nell'arresto dell'ex leader di Confindustria Sicilia e di altre persone, ora a processo per associazione per delinquere finalizzata, tra l'altro, alla corruzione

La notizia è stata pubblicata stamane dal quotidiano La Sicilia. «Ieri - si legge sul quotidiano - è stato il giorno delle speranze che, per il momento, svaniscono: la difesa dell'ex leader di Confindustria Sicilia confidava molto nella pronuncia del Riesame di Caltanissetta, dopo che la Cassazione aveva accolto con rinvio il ricorso, limitatamente alla sussistenza del capo d'imputazione sul reato associativo». 

La Suprema Corte nelle motivazioni della sentenza emessa lo scorso 21 novembre sosteneva che tra le accuse per cui processare Antonello Montante non ci poteva essere anche quella associativa perché i vari reati cosiddetti fine (la corruzione, il favoreggiamento, le rivelazioni di segreto d'ufficio e l'accesso abusivo al sistema informatico) sono tenuti insieme solo dalla figura dell'ex numero uno di Confindustria siciliana e non da altro. Da qui, dunque, la richiesta al Tribunale del Riesame di Caltanissetta di fornire «una risposta adeguata ai salti logici e agli indistinti automatismi evidenziati». Ieri il Riesame ha dato la sua risposta, sciogliendo la riserva dopo l'udienza camerale. 

I giudici del Riesame hanno invece annullato l'ordinanza del Gip, limitatamente al capo d'imputazione associativo, per il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata, ex capo centro della Dia di Palermo già ai vertici dei servizi segreti dell'Aisi. L'ufficiale, che era agli arresti domiciliari, è stato scarcerato sia pure con l'obbligo di dimora ad Aci Sant'Antonio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.