Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Energie rinnovabili, piano della Regione per rilanciarle
Pierobon: «Basta incentivi, serve approccio industriale»

Un nuovo piano per le rinnovabili e l'impegno per produrre «interventi normativi» in grado di rilanciare il settore delle energie rinnovabili nell'isola che «è la più vocata - spiega l'assessore Pierobon - per numero di ore annuali di sole o di vento»

Miriam Di Peri

Comuni morosi e bollette raddoppiate nella maggior parte dei casi per via dell’intervento di specifiche agenzie di recupero credito. Per i Comuni siciliani quello dell’energia elettrica è il secondo costo maggiore dopo quello per il personale. È questo uno dei dati emersi nel corso della seduta straordinaria della commissione Attività Produttive per discutere sull’opportunità di lavorare a mirati interventi normativi per rilanciare gli investimenti sulle energie rinnovabili in Sicilia.

Una regione che non è seconda a nessuno nel Paese per potenzialità legate alle energie alternative, come ammesso dall’assessore regionale all’Energia, Alberto Pierobon, secondo cui «almeno sulla carta, parliamo dell’Isola più vocata rispetto alle energie rinnovabili ma, da quanto emerso in commissione, il tema è chiedersi perché non vogliamo investire in questo settore, quando abbiamo tutte le potenzialità, sia tecnologiche che di mercato».

La proposta politica emersa è quella di «volere togliere l’alibi», per rilanciare gli investimenti con interventi normativi e la redazione del piano per le energie rinnovabili. «I lavori della Commissione - spiega Pierobon - offrono la possibilità di aprire a nuovi e importanti contributi per la redazione del piano energetico. Particolare attenzione è dedicata all’energia rinnovabile in agricoltura. Siamo in dirittura d’arrivo e riteniamo fondamentale - aggiunge l'assessore - apportare tutte quelle migliorie, innovazioni e proposte di alto livello per assicurare lo sviluppo e, al tempo stesso, la tutela dei territori, seguendo il principio del recupero e della bonifica delle aree dismesse attraverso la realizzazioni di siti produttivi».

La palla poi passerebbe alla burocrazia «che deve sveltire tutto. Gli investitori - continua Pierobon - hanno l’interesse di venire qui perché è l’Isola più vocata, basta guardare i dati, come il numero di ore annuali di sole o di vento: è matematico». Cos’è che contrasta, allora, la matematica? Secondo l’assessore, ancora una volta sarebbe «l’elemento umano». Il riferimento, come già fatto in altre occasioni, è alla burocrazia regionale, che più volte Pierobon ha descritto come un «muro di gomma», ma ammette anche che «la colpa è un po’ di tutti, ognuno deve fare la sua parte però bisogna dare un colpo di reni».

Ma i nuovi interventi legislativi, non meglio precisati, a cui fa riferimento l’assessore non saranno rivolti a nuovi incentivi verso chi investe nelle rinnovabili: «Basta con questi incentivi - tuona - abbiamo chiesto anche l’intervento di un tecnico della guardia di finanza che ha spiegato che entro tre anni gli incentivi saranno finiti, ma senza sussidi conviene comunque investire in questo settore, soprattutto con approccio industriale». Per non deludere chi sceglie questa terra, però, «dobbiamo metterci in testa che gli investitori non vengono per simpatia. Dobbiamo dare loro la garanzia che non resteranno impaludati, che le richieste di autorizzazione non resteranno a languire, che saremo in grado di dare risposte certe».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×