Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Floridia, padre e figlio allevatori minacciavano vicini
Intimidazioni per fare pascolare animali nei terreni

Nunzio e Giuseppe Calleri sono finiti al centro delle indagini della procura di Repubblica. Il primo è finito in carcere, mentre al secondo è stato notificato l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Redazione

Nella serata di ieri i carabinieri di Floridia, all’esito di una articolata indagine diretta dal procuratore Fabio Scavone e coordinata dal pubblico ministero Marco Dragonetti, hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare, per estorsione in concorso, emessa dal gip del tribunale di Siracusa, su richiesta avanzata dalla locale procura della Repubblica, nei confronti di due indagati floridiani. 

Si tratta di padre e figlio, Calleri Nunzio, classe 1964, pluripregiudicato anche per reati specifici e Calleri Giuseppe, classe 1984, anch’egli pregiudicato, entrambi pastori floridiani.

Le indagini avviate nell’aprile del 2018, a seguito di denuncia delle vittime alla procura di Siracusa, estrinsecatesi nell’acquisizione delle dichiarazioni delle stesse vittime e di testimoni, nelle registrazioni di alcuni dialoghi nonché in attività tecniche di videoripresa, hanno permesso di appurare come giornalmente, i due allevatori conducessero abusivamente le proprie greggi sui terreni dei proprietari confinanti, i quali erano costretti a subire l’imposizione dei capi di bestiame dei Calleri anche a fronte di frasi minacciose e offensive che venivano rivolte loro ogniqualvolta i due allevatori venivano invitati al rispetto dei confini delle proprietà private.

I carabinieri, nel corso dell’attività investigativa, hanno inoltre fatto emergere come i due allevatori, in più occasioni, avessero intimorito le loro vittime anche alludendo al loro spessore criminale facendo riferimento alla possibilità di ricorrere a ritorsioni particolarmente gravi, tra cui anche minacce di morte, se quanto stava accadendo fosse stato denunciato ai carabinieri che, con frasi sprezzanti, venivano ritenuti impotenti ad agire in tali situazioni.

L’arrestato, Calleri Nunzio, dopo essere stato condotto presso i locali della tenenza di Floridia per le incombenze di rito, è stato accompagnato in carcere, mentre il figlio Giuseppe, sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

(Fonte: Comando provinciale dei carabinieri di Siracusa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.