Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Castellammare, sequestrati 15mila ricci di mare

Redazione

Nel pomeriggio di sabato 9 marzo, nel corso di un normale servizio di controllo del territorio effettuato dai carabinieri della stazione di Balata di Baida lungo la strada statale 187 di Castellammare del Golfo, l’attenzione dei militari veniva colta da due autovetture che procedevano una dietro l’altra, una Chrysler Voyager di colore blu e una Opel Astra di colore grigio, entrambe provviste di carrello-appendice. La pattuglia della stazione provvedeva a fermare per un normale controllo la Chrysler mentre, in contemporanea, richiedeva alla centrale operativa di Alcamo l’ausilio di una pattuglia del nucleo radiomobile, al fine di far controllare anche la seconda autovettura. 

A bordo della Chrysler venivano identificati quattro soggetti, tutti residenti a Palermo e tutti gravati da precedenti di polizia, che trasportavano attrezzatura da pesca subacquea, mentre nell’altra autovettura, fermata all’altezza di contrada Gemma d’oro, viaggiavano altri due palermitani di cui uno gravato da precedenti di polizia e questa volta all’interno del carrello, veniva rinvenuto prodotto ittico della specie echinoidea - ricci di mare - in numero di 15.000 esemplari, appena pescati nelle acque del golfo di Macari e ancora vivi. 

Congiuntamente, quindi, con personale militare dipendente dalla capitaneria di porto - guardia costiera di Castellammare del Golfo, sopraggiunto a seguito di richiesto intervento, i militari operanti ponevano sotto sequestro tutto il prodotto ittico in quanto non conforme al numero di esemplari consentito per la pesca non professionale, che l’attuale normativa stabilisce nella misura di 50 al giorno. Successivamente il prodotto ittico veniva rigettato in mare con l’ausilio della motovedetta CP719, dipendente dalla capitaneria di porto - guardia costiera di Castellammare del Golfo, con a bordo tutto il personale militare operante. I sei responsabili venivano segnalati amministrativamente per pesca illegale e dovranno pagare una sanzione pecuniaria da 2.000 a 12.000 euro.

(Fonte: comando provinciale carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×