Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Navigator, sit-in permanente in assessorato Famiglia
Gli ex sportellisti inizieranno lo sciopero della fame

Si appellano al Titolo V della Costituzione, che delega le politiche attive del lavoro alle Regioni, e chiedono al governo Musumeci un canale privilegiato per la selezione, alla luce della loro esperienza. La trattativa romana è ancora aperta

Miriam Di Peri

Il bando non c’è ancora, ma la settimana che si è appena aperta sarà decisiva per stabilire il percorso per l’individuazione dei navigator, gli orientatori che accompagneranno i beneficiari del reddito di cittadinanza nel percorso di inserimento nel mondo del lavoro. Una figura, quella pensata dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, che in Sicilia negli ultimi mesi ha destato più di una preoccupazione da parte degli ex sportellisti della formazione professionale, lavoratori che negli anni hanno assunto proprio il ruolo di orientatore richiesto oggi con il neologismo navigator. Ma che nell’Isola, appunto, esistevano già.

Così, mentre a livello nazionale Anpal ha pubblicato il bando per l’affidamento del servizio di gestione e organizzazione della prova scritta per la selezione pubblica dei navigator, in Sicilia gli sportellisti tornano a far sentire la propria voce e annunciano il via allo sciopero della fame. Gli ex lavoratori degli sportelli multifunzionali, infatti, si appellano al Titolo V della Costituzione, che prevede che le politiche attive del lavoro non siano gestite a livello nazionale, ma vengano commisurate dalle Regioni. Al momento, invece, il governo gialloverde ha immaginato una selezione centrale, un concorsone che dovrebbe essere bandito direttamente dal ministero. Un cambio di rotta importante per gli ex lavoratori, che si augurano che l’amministrazione regionale possa prevedere per loro un canale privilegiato nella selezione, alla luce dell’esperienza maturata negli anni di servizio.

In un primo tempo si sarebbe dovuti partire questa mattina, a partire dalle 9, con un sit in in viale Trinacria, davanti alla sede dell’assessorato regionale alla Famiglia e alle Politiche Sociali, anche per richiamare l’attenzione del titolare del dicastero, Antonio Scavone, al quale gli ex sportellisti hanno chiesto formalmente un incontro, senza però avere avuto ancora risposta. Tuttavia le condizioni meteo sfavorevoli hanno portato gli organizzatori a rimandare a domani l'inizio. Il presidio proseguirà anche nei prossimi giorni, soprattutto il 13 marzo, a sostegno del tavolo ministeriale convocato a Roma coi sindacati.

«Siamo determinati e carichi - dice Adriana Vitale, portavoce degli Ex sportellisti liberi, movimento che racchiude la maggior parte dei lavoratori del comparto - anche se non neghiamo una certa apprensione per questa nuova battaglia, che è nuova solo in termini temporali. Digiunare e dormire all'addiaccio non è certamente facile per nessuno, abbiamo la consapevolezza che sarà dura. La dignità - prosegue Vitale - non ha prezzo e lo abbiamo ampiamente dimostrato. Chiediamo solo di riavere ciò che c'è stato ingiustamente tolto: il nostro lavoro per far vivere dignitosamente le nostre famiglie».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×