Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, lo riducono in fin di vita davanti ai figli
Spedizione a casa di un pregiudicato, due fermi

La violenta aggressione, anche con una bottiglia di vetro rotta che ha causato alla vittima ferite gravi a organi vitali, è avvenuta nella notte tra sabato e domenica. Uno dei due aggressori è stato costretto a rivolgersi all'ospedale fingendo un incidente. Guarda il video

Redazione

La polizia ha fermato due persone per il tentato omicidio di un 43enne che nella notte tra sabato e domenica è stato violentemente aggredito e ferito in maniera molto grave nella sua casa di Vittoria, dove era agli arresti domiciliari. Secondo l'accusa hanno fatto irruzione nell'abitazione e lo hanno colpito con pugni e calci e poi più volte accoltellato con una bottiglia di vetro rotta. Ferito, in maniera non grave, anche il fratello della vittima che ha tentato di difenderlo. I due fermati, per tentativo di omicidio aggravato, sono Hedi Belgacem, di 31 anni, e Fabio Quattrocchi, di 39, entrambi di Vittoria.

Uno dei due presunti aggressori è stato portato in carcere, l'altro è ricoverato in ospedale e piantonato dalla polizia per ferite riportate durante l'aggressione. Il fermo, eseguito dalla squadra mobile della Questura di Ragusa e da personale del commissariato di Vittoria, è stato emesso dalla Procura. Resta ancora non definito il movente dell'aggressione. Il 43enne è ricoverato in ospedale ed è stato già sottoposto a un intervento chirurgico. Le sue condizioni sono ritenute dai medici molto gravi.

La vittima si trova ancora con la prognosi riservata dopo essere stata sottoposta ad un intervento chirurgico per la compromissione di organi vitali. Gli investigatori non lo hanno potuto sentire perché incosciente e sono ancora a lavoro per chiarire alcuni aspetti della vicenda, tra tutti il movente dell'aggressione, avvenuta in presenza della moglie dei figli piccoli della vittima. La donna, temendo per i due bambini, si è rifugiata in un'altra stanza. 

Fondamentali per la ricostruzione completa dei fatti sono state diverse tracce lasciate sul luogo del delitto e all'interno dei dell'auto che i due fermati hanno usato per la fuga. Secondo quanto ricostruito, l'aggressione è avvenuta intorno all'una della notte scorsa. In casa della vittima c'era suo fratello che è rimasto ferito cercando di bloccare gli aggressori. Gli aggressori si sono accaniti contro il 43enne colpendolo con una bottiglia di vetro che hanno utilizzato anche per trafiggerlo, procurandogli lesioni ad organi vitali. I due sono poi fuggiti in auto. 

Uno ha trovato rifugio nella sua abitazione, l'altro, dato che perdeva molto sangue per una ferita che si era procurato durante l'aggressione, è andato in ospedale a farsi medicare fingendo di essere rimasto vittima di un incidente stradale. Il 43enne ai domiciliari ed il fratello sono stati portati in ospedale da un conoscente della vittima con un furgone. L'aggressore rimasto ferito si trova piantonato nell'ospedale i Vittoria. Il complice è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×