Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, le condanne per i bilanci falsi tra 2009 e 2012
Ci sono pure l'ex sindaco Buzzanca e la deputata Amata

Il Tribunale ha riconosciuto che per evitare il default sono stati falsati i bilanci del Comune. Condannati gli ex componenti della giunta, tra cui l'attuale parlamentare regionale, consiglieri comunali e dirigenti

Simona Arena

Bilanci falsati per evitare la dichiarazione di dissesto. È stata letta alle 21 di ieri sera, dopo dieci ore di camera di consiglio, la sentenza sul caso dei bilanci del Comune di Messina tra il 2009 e il 2012, che il Tribunale ha ritenuto essere stati falsati per rientrare nel patto di stabilità e non dichiarare quindi il default. 

In particolare, secondo l’accusa, «funzionari comunali, amministratori pubblici, consiglieri comunali e revisori dei conti, pur nella piena consapevolezza di debiti fuori bilancio e del mancato stanziamento di somme sufficienti al finanziamento dei debiti stessi, avrebbero formato e approvato i bilanci». I giudici della I sezione penale, presieduta da Silvana Grasso, hanno condannato l’ex sindaco Giuseppe Buzzanca a un anno e cinque mesi. E con lui sono stati condannati anche consiglieri comunali, componenti della giunta e anche il ragioniere generale

Nel dettaglio sono stati condannati a un anno e cinque mesi oltre al primo cittadino Buzzanca, l’ex ragioniere generale Ferdinando Coglitore, i dirigenti Francesco Aiello, Antonio Amato, Attilio Camaioni, Giuseppe Puglisi, Vincenzo Schiera, Domenico Maesano e gli ex assessori Melino Capone, Orazio Miloro, Dario Caroniti, Roberto Sparso. Pena di un anno e tre mesi per gli ex revisori Roberto Aricò, Domenico Donato, e gli ex assessori Giuseppe Corvaja, Pippo Isgrò, Carmelo Santalco.

Un anno ed un mese infine la condanna stabilita per l’ex ragioniere generale Santi Alligo, Giovanni Di Leo, Carmelo Famà, Carmelo Giardina, Domenico Manna, l’ex presidente del collegio dei revisori dei conti Dario Zaccone, l’ex componente del Collegio dei revisori dei conti Giancarlo Panzera, gli ex assessori Elvira Amata, Salvatore Magazzù, Franco Mondello, Giorgio Muscolino.

I giudici hanno sospeso la pena per Buzzanca, Isgrò, Corvaia, Aiello, Amato, Camaioni, Capone, Caroniti, Coglitore, Maesano, Miloro, Puglisi, Schiera, Sparso, Alligo, Magazzù, Manna, Mondello, Amata, Famà, Di Leo, Giardina, Muscolino, Panzera e Zaccone. I giudici hanno inoltre deciso che gli imputati dovranno risarcire il Comune e il ragioniere Cucinotta, creditore di Palazzo Zanca, tra le parti civili costituite. Infine nei confronti di circa una decina di imputati è stata dichiarata la prescrizione totale.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×