Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, annullato l'ergastolo per Gianni Melluso
Era stato condannato per femminicidio Maccarone

Gianni il bello, uno degli accusatori di Enzo Tortora, era accusato di avere ordinato l'uccisione della 39enne svizzera. Il corpo di Sabine è stato trovato nell'aprile del 2017 in un pozzo artesiano nelle campagne di Mazara del Vallo 

Marta Silvestre

La corte d'assise d'Appello di Palermo ha annullato l'ergastolo inflitto in primo grado a Gianni Mellusso, detto Gianni il bello. L'uomo, che è stato anche uno degli accusatori di Enzo Tortora, era stato condannato per il femminicidio della 39enne svizzera Sabine Maccarrone, trovata morta il 16 aprile del 2007 all'interno di un pozzo artesiano in contrada San Nicola nelle campagne di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

La corte adesso ha ribaltato il verdetto del primo grado disponendo la scarcerazione dell'ex collaboratore di giustizia - che era detenuto nel carcere Pagliarelli di Palermo - e scagionandolo dall'accusa di avere ordinato l'omicidio. Il nome di Melluso venne fuori durante una puntata del programma di Rai3 Chi l'ha visto? poco dopo il delitto. Era stata una testimone a raccontare in tv che Melluso, che con la donna aveva una relazione, avrebbe riferito che Sabine era tornata dai suoi genitori nelle Marche, e che era stato lui stesso a pagarle il biglietto. Cominciò così l'inchiesta su Gianni il bello. 

Poi arrivarono le dichiarazioni di Giuseppe D'Assaro, proprietario del terreno dove fu occultato il cadavere della 39enne. Lui e Melluso si erano conosciuti anni prima in carcere. «Mi disse di ammazzarla. Melluso non mi spiegò però le ragioni e io non feci domande. In questi casi è meglio non farle. In quel periodo volevano ammazzarmi. Avevo bisogno di un appartamento in cui andare a stare. Melluso mi disse che mi avrebbe regalato un'abitazione di proprietà del fratello». Queste le parole di  D'Assaro, durante processo di primo grado, che gli fecero avere una condanna a 30 anni

Sposato con una zia di Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004, D'Assaro anni fa aveva anche riferito alcuni particolari sulla sparizione della bimba ma non è stato ritenuto attendibile. Nel 1985, D'Assaro aveva anche ucciso a bastonate un uomo di 75 anni, Antonio Signorelli, durante un tentativo di rapina.

Il movente dell'omicidio di Sabine Maccarrone, mai chiarito del tutto, sarebbe stato da ricercare nella gelosia: probabilmente la donna aveva avuto legami con altri uomini. Per concorso in occultamento di cadavere, venne chiesto il rinvio a giudizio di una donna tunisina di 49 anni, Yamina Reguiai Bent Hedi, accusata di avere aiutato l'assassino a nascondere il corpo. Il gup, però, dispose il non luogo a procedere per prescrizione del reato

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×