Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ruggirello alla Leopolda sfruttando i terremotati
La scusa per accreditarsi da Renzi con i soldi Ars

L'ex deputato arrestato con l'accusa di associazione mafiosa, nel 2016, avrebbe fatto passare per missione istituzionale un viaggio in Toscana, nei giorni in cui era prevista la convention dem. Trovando tempo anche per giri turistici e incontrare un'amica

Simone Olivelli

Foto di: Rosa Maria Di Giorgi

Foto di: Rosa Maria Di Giorgi

Sfruttare la causa dei terremotati per avere un viaggio pagato, ricevere un'indennità e al contempo accreditarsi alla corte di Matteo Renzi? Paolo Ruggirello lo avrebbe fatto. A finire nelle mani del nucleo informativo dei carabinieri, che hanno condotto le indagini che hanno portato all'arresto di 25 persone tra le quali l'ex deputato regionale, non sono solo i contatti con esponenti di Cosa nostra che hanno portato la Dda di Palermo a ipotizzare per il politico trapanese l'accusa di associazione mafiosa. A trovare posto nelle ottocento pagine dell'inchiesta sono anche fatti da cui per gli inquirenti emergerebbe l'«assoluta spregiudicatezza di Ruggirello».

Su tutti viene segnalato ciò che sarebbe accaduto a inizio novembre 2016. In quei giorni Ruggirello decide di partire per la Toscana. La scelta, per gli inquirenti, avrebbe una motivazione specifica: dal 4 al 6, infatti, a Firenze è prevista la Leopolda, la convention del Partito democratico giunta quell'anno alla settima edizione. L'appuntamento è importante: Ruggirello, infatti, da poco più di venti mesi ha fatto ingresso nella grande famiglia dem, in Sicilia ulteriormente allargata dopo che Articolo 4 - il partito creato da Lino Leanza e di cui facevano parte anche i deputati di Pippo Nicotra, Luca Sammartino e Valeria Sudano - aveva detto al matrimonio con il partito di Renzi.

Fin qui, nulla di strano. Sta nelle possibilità di un politico partecipare ai convegni nazionali del proprio partito. Il problema si pone quando tutto ciò non avviene a titolo personale, ma usufrendo delle risorse finanziarie pubbliche e nella fattispecie quelle a disposizione dell'Ars. Di ciò sono convinti i magistrati palermitani: «Presentagli anche l’istanza al presidente Ardizzone della mia missione su Pisa. Ci mettii... ci metti Pisa e zone terremotate», dice Ruggirello intercettato al telefono, parlando con la propria segretaria. È la vigilia della partenza, c'è necessità di avere il via libera dall'Ars per giustificare la trasferta e ottenere così la copertura dei costi, compresa l'indennità che spetta a chi parte in missione istituzionale. Per farlo però bisogna motivare con precisione gli obiettivi. A farlo presente a Ruggirello è la collaboratrice. Alla quale l'allora deputato risponde: «A Pisa incontro con... come si chiama... con l’amministrazione comunale e poi ci metti ad Assisi per incontro con i familiari delle zone terremotate».

Ma stando ai riscontri degli investigatori, che hanno monitorato gli spostamenti di Ruggirello, il politico trapanese in Umbria non ci avrebbe mai messo piede. Dopo essere atterrato a Pisa, trascorre tre giorni a Firenze. Dove, oltre per la Leopolda, avrebbe trovato tempo anche per fare giri turistici e incontrare un'amica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×