Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Alluvione Giampilieri, tutti assolti in via definitiva
I parenti delle vittime non avranno risarcimenti

La Cassazione ha confermato la sentenza di Appello che aveva assolto, perché il fatto non sussiste, i sindaci di Messina e Scaletta Zanclea, gli unici imputati rimasti dopo le assoluzioni in primo grado di tecnici, protezione civile e professionisti

Simona Arena

Nessun colpevole e quindi nessun risarcimento per i parenti delle 37 persone che persero la vita nell’alluvione del 2009 a Messina, tra Giampilieri, Briga, Molino, Altolia e Santa Margherita. Si conclude così il processo. La decisione è stata presa dalla quarta sezione penale della Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso della procura generale di Messina contro la sentenza di secondo grado e ha anche rigettato quelli delle parti civili, rendendo quindi definitiva la sentenza con cui la Corte d’Appello aveva disposto l’assoluzione dell’ex sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca e dell’ex primo cittadino di scaletta Zanclea Mario Briguglio

Il 20 luglio 2017 i due primi i cittadini erano stati assolti con la formula «perché il fatto non sussiste». La Corte di Appello di Messina aveva ribaltato la sentenza di primo grado che il 27 aprile 2016 aveva invece condannato a sei anni per omicidio colposo plurimo Buzzanca e Briguglio. Sempre in appello, i giudici avevano anche rigettato i ricorsi confermando le altre assoluzioni disposte già in primo grado. E scagionato - perché il fatto non sussiste o per non averlo commesso - l’ex responsabile della protezione civile regionale Salvatore Cocina, l'ex commissario di Messina Gaspare Sinatra, i geologi Giovanni Randazzo, Salvatore Cotone e Antonino Savoca. E poi ancora Alberto Pistorio, Giovanni Rago e Francesco Grasso - redattori del piano stralcio di bacino per l'assetto idrogeologico della zona compresa tra il torrente Fiumedinisi e Capo Peloro -, i dirigenti regionali Giovanni Arnone e Tiziana Flora Lucchesi e i progettisti Francesco Triolo, Salvatore Di Blasi, Giovanni Garufi. 

La procura generale della Cassazione aveva riconosciuto che i reati sono ormai andati in prescrizione e aveva chiesto alla Corte di dichiarare dunque la prescrizione, ma allo stesso tempo aveva avanzato richiesta di accogliere gran parte dei ricorsi delle parti civili sui risarcimenti, i giudici però hanno deciso diversamente.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×