Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Pozzallo a Messina, la ciclovia che unisce la Sicilia
Alla Regione i soldi per definire il progetto in due anni

Il ministero ha finanziato con 16 milioni di euro lo studio di fattibilità della pista ciclabile della Magna Grecia: mille chilometri in tre Regioni, di cui 220 nell'Isola. Il dipartimento Infrastrutture deve individuare il percorso entro il 2020

Salvo Catalano

Due anni di tempo e diversi milioni di euro per realizzare, su carta, il progetto della più lunga pista ciclabile mai realizzata in Sicilia: da Messina a Pozzallo, 220 chilometri spalmati su 27 Comuni e tre province. Si chiama Ciclovia della Magna Grecia ed è un'iniziativa di cui la Regione Calabria si è fatta capofila coinvolgendo anche Basilicata e Sicilia. Nei giorni scorsi la giunta Musumeci ha deliberato l'ok alla firma del protocollo d'intesa che fissa regole e tempi dell'iniziativa. L'idea è molto ambiziosa: permettere agli amanti delle due ruote di poter percorrere mille chilometri attraversando i territori che furono trasformati dalla cultura ellenica nel Sud Italia, percorrendo strade a basso traffico e sentieri, e realizzando segmenti nuovi dove c'è necessità di cucire l'esistente. 

Il ministero dei Trasporti a fine dicembre ha stanziato 16,6 milioni per le tre Regioni interessate. Soldi che servono a definire il progetto di fattibilità tecnico-economica e individuare il primo lotto funzionale immediatamente realizzabile in ciascuna Regione. E ha fissato una scadenza: entro il 31 dicembre 2020, Sicilia, Calabria e Basilicata dovranno presentare i risultati a Roma. Il progetto comprende lo studio di fattibilità, relazioni, planimetrie, elaborati grafici, la suddivisione in lotti funzionali e l'individuazione del primo lotto funzionale, il calcolo sommario della spesa, il piano particellare preliminare, lo studio di inserimento urbanistico, lo studio di prefattibilità ambientale e lo studio archeologico e idrogeologico dove strettamente necessario. La Calabria si è mossa per tempo e dagli uffici spiegano che intendono presentare il progetto ben prima del termine del 2020. Già nell'autunno del 2019 la loro parte dovrebbe essere ultimata per poi partire con la realizzazione del primo lotto (ogni Regione non è vincolata alle altre due nella realizzazione dei progetti e nell'andamento dei lavori). 

In Sicilia - dove il coordinamento del progetto è affidato al dirigente generale del dipartimento Infrastrutture Fulvio Bellomo - bisogna lavorare per non perdere un'occasione unica, considerato che nell'Isola non esistono piste ciclabili che permettono medi o lunghi spostamenti e che invece spiccano alcuni clamorosi casi di spreco, come la Castiglione-Linguaglossa sull'Etna, costata 22 milioni di euro, tre milioni a chilometro, ma mai inaugurata. 

La ciclovia, stando ai documenti ufficiali dell'assessorato, dovrebbe attraversare i Comuni di Messina, Scaletta Zanclea, Alì Terme, Italia, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Furci Siculo, Santa Teresa di Riva, Sant'Alessio Siculo, Forza d'Agrò, Letojanni, Taormina, Giardini Naxos, Fiumefreddo, Giarre, Acireale, Aci Castello, Catania, Augusta, Priolo, Melilli, Siracusa, Avola, Noto, Pachino, Ispica e Pozzallo per una lunghezza complessiva di 220 chilometri. Un percorso peraltro integrato con la rete ciclabile europea Eurovelo e con quella nazionale Bicitalia.

Un sogno? La certezza è che i finanziamenti, almeno per il primo lotto funzionale (verosimilmente di 30-40 chilometri), ci sono. E su quello gli uffici dovrebbero concentrarsi. Per delineare il percorso servirà mappare tutte le strade o le aree esistenti che possiedono le caratteristiche richieste. In questo scenario un ruolo nevralgico potranno avere le ferrovie dismesse, ampiamente presenti nelle province di Catania e Siracusa dove ricadrebbe la ciclovia. In ottica futura, poi, anche l'intera tratta tra Giampilieri e Fiumefreddo, oggetto di un colossale lavoro di raddoppio ferroviario con spostamento a monte del tracciato, rimarrebbe potenzialmente utilizzabile.

«Si tratta - ha commentato il presidente Nello Musumeci - di un grande progetto che potrà avere un importante ruolo di promozione del nostro patrimonio storico, culturale e naturalistico. Ogni tappa, ogni sentiero, ogni tracciato sarà pensato per appagare l'interesse e la curiosità dei cicloamatori e dar loro la possibilità di gustare fino in fondo alcuni dei posti più belli e suggestivi della nostra Isola. Per il turismo che ama pedalare sulle due ruote, e che è in costante crescita, rappresenterà sicuramente una straordinaria occasione per scegliere la Sicilia come meta». Parole affidate adesso al lavoro del dipartimento Infrastrutture.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×