Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ordigni bellici rimossi da Trapani e Gela
Risalenti alla seconda guerra mondiale

Redazione

Due delicate operazioni di bonifica dai residuati bellici inesplosi sono state portate a termine nei giorni scorsi nelle acque antistanti Trapani e nei pressi di Gela (in provincia di Caltanissetta) dai palombari del gruppo operativo subacquei (Gos) del comando subacquei e incursori della marina militare. A Trapani è stata fatta brillare una mina navale, nei pressi di Gela sono state recuperate munizioni. 

L'intervento più impegnativo condotto dai palombari della marina distaccati presso il nucleo sminamento difesa antimezzi insidiosi (Sdai) di Augusta è stato quello compiuto a Trapani su una mina navale ormeggiata tipo II, di fabbricazione italiana, che faceva presumibilmente parte di un campo minato posto a difesa del porto durante il secondo conflitto mondiale. La mina, adagiata sul fondo ma ancora perfettamente funzionante nonostante i decenni passati in mare, costituiva un serio pericolo per la navigazione. Per la sua neutralizzazione, è stato necessario sollevare l'ordigno dal fondo mediante l'uso di una particolare rete idonea al trasporto delle mine a urtanti e, successivamente, trasferirlo in una zona sicura, dove è stato fatto brillare. 

Nei press di Gela sono stati recuperati e neutralizzati sette proiettili da 105 millimetri americani e 400 munizioni di armi portatili, tutti risalenti alla seconda guerra mondiale. Gli interventi d'urgenza degli specialisti della marina militare, la cui attività è stata richiesta dalle prefetture di Caltanissetta e Trapani, sono stati effettuati grazie alla segnalazione di cittadini di Gela e a seguito della scoperta dei proiettili e delle munizioni fatta dal cacciamine Alghero della marina militare nell'ambito di un'attività specialistica di controllo dei fondali di Trapani.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×