Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sea Watch, ispezione su capacità di accoglienza
«Governi creano stalli in mare, non siamo hotel»

Le autorità olandesi sono salite a bordo della nave ferma al porto di Catania, dopo il discusso sbarco e il braccio di ferro tra Salvini e Ue. Il presidente dell'ong sottolinea come le caratteristiche dell'imbarcazione siano simili a quelle usate dai governi

Redazione

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

«La nostra nave è attrezzata per prestare soccorso, ma non siamo un hotel o un ospedale galleggiante». Sceglie queste parole Johannes Bayer, presidente dell'ong Sea Watch, per commentare l'ispezione a bordo della nave ferma al porto di Catania per decisione della Capitaneria di porto, che ha ravvisato alcune irregolarità amministrative in seguito al discusso approdo dell'imbarcazione dopo lo stallo al largo di Siracusa. Sulla nave sono salite le autorità olandesi. «Sono a bordo per un'ispezione sulla capacità di ospitare, per periodi lunghi, le persone soccorse. Ma le navi di salvataggio non possono soddisfare questa richiesta: la legge del mare afferma che le persone salvate devono essere portate in un porto sicuro il prima possibile», specifica Bayer. 

Per l'ong quella odierna rappresenta l'ennesima «strumentalizzazione del tema della sicurezza delle persone soccorse allo scopo di ostacolare il salvataggio delle stesse». Al centro dell'attenzione c'è la querelle tra il governo italiano e gli altri paesi Ue in merito alla redistribuzione delle persone salvate. «È stata una scelta consapevole dei governi europei quella di tenere in ostaggio per settimane le persone a bordo della Sea Watch 3 - prosegue Bayer -. I bracci di ferro politici ci costringono a ospitare a bordo le persone soccorse per diversi giorni, e poi gli stessi paesi ci accusano di non essere attrezzati per farlo». 

I vertici della ong sottolineano come la presunta inadeguatezza di Sea Watch a ospitare per lungo tempo persone a bordo rispecchia le caratteristiche delle navi di soccorso del governo olandese. «Lo stesso vale per qualsiasi altro mezzo anche preposto al soccorso - dichiara la portavoce italiana Giorgia Linardi -. Le persone a bordo della Diciotti erano accomodate in condizioni precarie sul ponte della nave, nonostante si trovassero sulla nave ammiraglia della guardia costiera Italiana, progettata per il soccorso in mare e con l'utilizzo di fondi europei».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×