Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fondi post-alluvione, tutti in provincia di Catania
Altri progetti saranno finanziati dal ministero

La protezione civile regionale ha messo a disposizione cinque milioni di euro destinati alle infrastrutture danneggiate dal maltempo di ottobre. Destinatari erano le ex province di Catania e Siracusa e molti Comuni. Ma a presentare richiesta sono stati in pochi

Salvo Catalano

Cinque milioni di euro per le infrastrutture danneggiate dalle alluvioni dello scorso autunno: strade, fogne, immobili pubblici, messa in sicurezza di un'intera collina. Le somme stanziate dalla Regione sono andate tutte in provincia di Catania. Dagli altri territori colpiti - e rientranti tra quelli per cui è stato dichiarato lo stato di calamità - sono arrivati progetti che dovrebbero essere finanziati a breve con fondi ministeriali. 

Lo scorso 2 novembre il dipartimento regionale della protezione civile ha inviato una lettera alla città metropolitana di Catania, al libero consorzio di Siracusa e a tutti i Comuni colpiti dalle alluvioni di ottobre (Ispica, Modica, Scicli, Avola, Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Carlentini, Cassaro, Ferla, Lentini, Noto, Pachino, Palazzolo Acreide, Rosolini, Siracusa, Sortino, Castel di Iudica, Catania, Militello, Mineo, Palagonia, Ramacca, Scordia, Vizzini, Agira, Piazza Armerina e Alcamo), invitandoli a presentare entro sessanta giorni «i progetti esecutivi con evidenziato compiutamente il nesso di causalità» con l'alluvione. 

«Questo piano di interventi - spiega Saverio Bosco, sindaco di Lentini, tra i territori più colpiti - riguardava specificatamente le infrastrutture. Per i danni che abbiamo avuto, noi abbiamo necessità di altri tipi di interventi. Il centro della città è stato risparmiato, l'unico problema lo abbiamo avuto col depuratore e per quello abbiamo presentato una richiesta in un'altra finestra di finanziamento». Il dissesto economico del libero consorzio di Siracusa ha sicuramente peggiorato la situazione. «L'ex provincia è totalmente assente - continua Bosco - molti dipendenti sono in mobilità. Come Comune, dopo l'alluvione, ci siamo sostituiti al libero consorzio per la manutenzione di strade che sono di competenza loro».

I cinque milioni sono dunque finiti tutti in provincia di Catania: due milioni di euro alla città metropolitana per la sistemazione della strada provinciale 69/II (500mila euro), la strada consortile 4 che dalla statale 385 raggiunge la provinciale 104 (600mila euro), la strada provinciale 74/II nel tratto dalla statale 417 alla statale 192 (900mila euro); 44mila euro al Comune di Castel di Iudica per la ludoteca comunale; 97mila euro al Comune di Ramacca per l'istituto comprensivo Ottavio Gravina di Cruyllas; 500mila euro per il Comune di Militello per interventi sulla strada provinciale 28 II nei pressi della Chiesa del calvario; 250mila euro al Comune di Scordia per la strada comunale in contrada Campagna; 98mila euro al Comune di Mineo per la strada comunale Poggio Spiga. Il finanziamento più corposo, 1 milione 960mila euro, va al Comune di Palagonia per la messa in sicurezza dei versanti del Colle della Croce sovrastanti il centro abitato. 

(Articolo aggiornato alle 20 del 7 febbraio) 

Riceviamo e pubblichiamo dal Conune di Scicli: 

L’amministrazione comunale di Scicli rettifica quanto scritto circa una presunta inattività dell'Ente nella vicenda degli indennizzi per i danni del maltempo del 18-20 ottobre 2018, precisando che in quattro diverse lettere formali (del 16 ottobre 2018, del 2 novembre 2018, del 4 dicembre 2018, del 7 dicembre 2018) il Comune ha chiesto il ristoro per i danni subiti nel proprio territorio, per un importo di 1 milione 925 mila euro, poi rimodulati in una scheda di 46.580 euro e in una successiva scheda di 853 mila euro.

Scelta politica della Giunta di Governo ha fatto sì che tali richieste formalmente protocollate siano state ignorate. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×