Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Salemi, cadavere carbonizzato è del mancato sposo
La conferma dal dna, Procura propende per il suicidio

Nelle prime fasi dell'indagine, gli investigatori hanno ascoltato parecchie persone «per cercare di individuare - aveva spiegato il procuratore Pantaleo - eventuali soggetti che potessero avere motivi di rancore verso Ciaravolo». Ma l'ipotesi dell'omicidio sembra essere tramontata

Redazione

È Francesco Ciaravolo, 48 anni, piccolo imprenditore agricolo, l'uomo trovato carbonizzato lo scorso 5 gennaio a Piano Rizzi, nelle campagne di Salemi (in provincia di Trapani), all'interno della sua auto, una Mercedes classe C. A stabilirlo, attraverso l'esame del Dna, è stato il Ris dei carabinieri di Messina, incaricato dell'accertamento dalla Procura di Marsala, che adesso propende per l'ipotesi del suicidio. 

Ciaravolo il 28 dicembre scorso non si era presentato nella chiesa di Castelvetrano dove avrebbe dovuto sposarsi. L'indagine dei carabinieri è coordinata dal procuratore di Marsala Vincenzo Pantaleo e dal sostituto Antonella Trainito. Nelle prime fasi dell'indagine, gli investigatori hanno ascoltato parecchie persone «per cercare di individuare - aveva spiegato il procuratore Pantaleo - eventuali soggetti che potessero avere motivi di rancore verso Ciaravolo». Ma adesso l'ipotesi dell'omicidio sembra essere tramontata. 

Inoltre, il nucleo familiare della mancata sposa risulta essere lontano da eventuali contesti criminali. Per gli investigatori sarebbe da escludere una vendetta nei confronti dell'imprenditore. Nel passato di Ciaravolo c'è un modesto precedente penale. È stato, infatti, condannato a quattro mesi di reclusione e 60 euro di multa, con pena sospesa, per truffa. Il fatto risale al 2009, quando Ciaravolo chiese all'Enel l'allaccio per la fornitura di energia elettrica, ma fornendo il nome e il documento d'identità di un'altra persona, che poi si vide recapitare una bolletta di 246 euro.

(Fonte: Ansa)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×