Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mussomeli, 17 arresti per associazione mafiosa
Fatta luce su un omicidio avvenuto vent'anni fa

Le indagini, coordinate dalla direzione distrettuale antimafia della procura di Caltanissetta, hanno permesso di ricostruire le dinamiche interne al mandamento mafioso del Nisseno. Documentate anche pressioni estorsive e traffici di droga

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione e traffico di stupefacenti. Sono questi i reati contestati ai 17 indagati a vario titolo nei confronti dei quali i carabinieri del Ros stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a Mussomeli, nel Nisseno.

In particolare, il provvedimento cautelare colpisce gli appartenenti alle famiglie mafiose ricadenti nel mandamento di Mussomeli e composto anche dai clan di Campofranco, Montedoro, Serradifalco, Sutera, Bompensiere. Le indagini, coordinate dalla direzione distrettuale antimafia della procura di Caltanissetta, hanno permesso di ricostruire le dinamiche interne al mandamento mafioso, facendo luce anche su l'omicidio di Gaetano Falcone, avvenuto a Montedoro (Caltanissetta) il 13 giugno del 1998. 

I principali indagati, come riportato dall'Ansa, sono Domenico Vaccaro, Calogero Modica, Rino Claudio Di Leo e Antonio Calogero Grizzanti. Di Leo, parente di Vaccaro e già condannato per mafia nell'ambito dell'operazione Urano, perché avrebbe guidato un sodalizio dedito allo spaccio di droga a Campofranco, Mussomeli e Vallelunga Pratameno, con canali di approvvigionamento nel Palermitano e a San Cataldo. Il 30 maggio 2012, Di Leo insieme ad altri complici ha rapinato la filiale della Banca di credito cooperativo Toniolo di Campofranco, portando via 18mila euro, denaro che serviva per l'acquisto di droga. 

Le indagini si sono servite della collaborazione di Maurizio Carruba, rappresentante della famiglia di Campofranco, arrestato nell'aprile 2011 nell'operazione del Ros Grande Vallone. Carruba ha fatto luce su episodi estorsivi ai danni di imprenditori edili e ha confermato il ruolo di vertice rivestito nella famiglia di Campofranco da Calogero Modica, oltre a definire le singole responsabilità in riferimento all'omicidio di Gaetano Falcone, ucciso per decisione di Domenico Vaccaro (che voleva vendicare la morte del fratello Lorenzo) e di Calogero Carruba. Per pianificare l'omicidio, Vaccaro si sarebbe avvalso della collaborazione di Nicolò Falcone, che faceva parte della stessa cosca della vittima. La vendetta fu portata a termine da Angelo Schillaci e Maurizio Carruba

Gli inquirenti, inoltre, hanno potuto documentare un fiorente traffico di sostanze stupefacenti. Particolari sull'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 negli uffici della procura di Caltanissetta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×