Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, padre e figlio arrestati con droga Bad Boys
A casa con porte blindate e rottwailer come guardia

I carabinieri hanno bloccato all'interno della propria abitazione Giovanni e Ivan Alagna. I due custodivano a casa hashish e cocaina. Inutile il tentativo di gettare gli stupefacenti nel cortile dei vicini

Redazione

I carabinieri della sezione radiomobile di Trapani hanno tratto in arresto, in flagranza di reato Giovanni Alagna ed il figlio Ivan entrambi trapanesi, già noti alle Forze dell’ordine per i loro passati turbolenti.

Nella mattina di venerdì, i carabinieri, dopo una serie di accertamenti e stratagemmi messi in atto per scardinare le difese come porte blindate e telecamere di sicurezza presenti presso l’abitazione dei due soggetti sita nel popolare Rione Palme, facevano irruzione nell’abitazione di via Ardito. A nulla valevano i tentativi dell’Alagna Giovanni rivolti al figlio con forti urla di avvisarlo della presenza dei Carabinieri e quindi di disfarsi di quanto illegalmente detenuto. Il giovane, in fretta e furia raccoglieva lo stupefacente presente in casa e lo gettava nel cortile di due anziani coniugi confinanti con la propria abitazione, passando per un piccolo cortiletto, difeso da un grosso cane di razza rottwailer.

Tale estremo gesto era però inutile, in quanto i carabinieri intuivano subito tutte le manovre elusive messe in opera da padre e figlio. Nel cortile dei vicini di casa veniva recuperata, dopo essere riusciti a mettere in sicurezza il grosso Rottwailer, una busta con all’interno circa mezzo chilo di hascish in panetti, appunto marchiati con la scritta Bad-Boys e un sacchetto con all’interno circa 40 grammi di cocaina purissima. La perquisizione domiciliare, effettuata con l’unità cinofila antidroga Ron dei Carabinieri cinofili di Palermo, permetteva di rinvenire mannitolo e bilancini di precisione ancora sporchi di cocaina, nonché circa 600 euro che il giovane Alagna aveva tentato di nascondere nella borsetta della fidanzatina presente in casa all’arrivo dei militari. Padre e figlio erano inoltre in possesso di evoluti scanner elettronici che servono per individuare eventuali cimici messe dalle Forze di Polizia.

Entrambi venivano tratti arresto . Dopo la convalida il padre veniva tradotto presso il carcere di Trapani mentre il figlio sottoposto agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

(Fonte: Comando provinciale dei carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×