Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muore per esplosione bombola, paese si mobilita
Il sindaco: «Mohamed-Giovanni era uno di noi»

Mohamed Ezzoui aveva 72 anni, era nato in Marocco ma da circa trent'anni viveva a Delia, piccolo paese in provincia di Caltanissetta. Ieri sera è morto nella sua casa per una perdita di gas. Partita una raccolta fondi per inviare la salma in Marocco

Salvo Catalano

Lo hanno trovato disteso nel suo letto, schiacciato dal soffitto venuto giù. Non ha fatto neanche in tempo a muoversi. Mohamed Ezzoui aveva 72 anni, era nato in Marocco ma da circa trent'anni viveva a Delia, piccolo paese in provincia di Caltanissetta. «Era uno di noi», dicono in paese, scossi per la morte del venditore ambulante, causata dall'esplosione di una bombola di gas. Non è chiaro se quella che aveva in cucina o quella che usava per riscaldarsi. La deflagrazione ha distrutto parte della palazzina dove abitava, in affitto, una casa a tre piani, ma piccolissima e fatiscente. 

Mohamed, conosciuto anche come Giovanni, vendeva orologi e accendini nel paese nisseno e nei dintorni. Era finito, ormai molti anni fa, nel Comune nel cuore della Sicilia perché lì si era formata una folta comunità marocchina, ora meno numerosa perché i giovani della seconda generazione sono emigrati, condividendo la sorte di moltissimi coetanei siciliani . «Sono sempre stati molto integrati - spiega il giovane sindaco di Delia, Gianfilippo Bancheri - mai dato problemi, Mohamed era uno di noi e la sua morte ci ha colpito. Tutti conoscevano lui e la moglie che si dava da fare pulendo le scale e che è morta qualche anno fa».

Mohamed viveva da solo nella palazzina del quartiere Casale. I soccorritori (vigili del fuoco, carabinieri, polizia municipale e volontari) hanno scavato anche con le mani tra le macerie dell'edificio per recuperarne il corpo ritrovato però senza vita. L'uomo ha due figli, di cui uno si era trasferito a Milano per lavoro ed è subito tornato in Sicilia per organizzare l'invio della salma in Marocco, come già fatto per la madre. «Stanno cercando di non gravare sul Comune per le spese - spiega il primo cittadino - a differenza di quanto fanno invece tanti altri. La comunità marocchina ha un senso di identità molto forte, si stanno autotassando, non solo quelli di Delia ma anche dei paesi vicini, per pagare il viaggio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×