Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sette milioni per ristrutturare asili e centri giovanili
Finanziamenti europei in arrivo in 19 Comuni siciliani

Larga parte degli stanziamenti si aggira intorno ai 500mila euro. Interessate cinque province, mentre sei progetti sono stati esclusi per mancato raggiungimento del punteggio minimo previsto dall'avviso pubblicato dal dipartimento regionale alle Politiche sociali

Simone Olivelli

Altri fondi in arrivo per i piccoli centri, dopo quelli per migliorare i servizi di asili nido e micronido. Il dipartimento regionale alle Politiche sociali ha approvato la graduatoria provvisoria dei progetti ammessi a finanziamento, nell'ambito delle risorse europee legate al Po Fesr 2014-2020. L'avviso riguardava l'opportunità di usufruire di somme da usare per realizzare o ristrutturare asili nido, centri ludici, punti di ritrovo per minori e immobili comunità socio-educative. A disposizione poco più di sette milioni di euro. 

A ricevere i finanziamenti saranno 19 Comuni in giro per la Sicilia, mentre sei sono stati esclusi perché non hanno raggiunto il punteggio minimo previsto dal bando. Le somme che saranno inviate dagli uffici regionali si aggirano, nella maggior parte dei casi, intorno al mezzo milione. Approvati progetti che puntano all'efficientamento energetico degli immobili e alla riduzione delle barriere architettoniche. In cima alla graduatoria i lavori previsti nei locali destinati all'asilo nel territorio di Prizzi, in provincia di Palermo. Seguono il progetto dei comuni di Villafranca Sicula e Racalmuto, in provincia di Agrigento.

Previsti lavori di manutenzione all'asilo nido di Monterosso Almo e l'adeguamento igienico sanitario del centro di aggregazione per minori di Santa Teresa di Riva. A Barcellona Pozzo di Gotto, invece, verrà rifatto l'intonaco in un immobile destinato a diventare asilo nido. Il Comune di Aci Catena ha presentato un progetto per il completamento di locali da usare come centro per portatori di hadicap. 

Questo l'elenco dei Comuni ammessi a finanziamento: 

Agrigento: Racalmuto (438mila euro), Santa Margherita Belice (500mila euro), Siculiana (499mila euro), Villafranca Sicula (443mila euro)
Catania: Aci Catena (317mila euro), Bronte (115mila euro), Caltagirone (494mila euro), Mazzarrone (499mila euro), Militello in Val di Catania (499mila euro)
Messina: Barcellona Pozzo di Gotto (500mila euro), Gioiosa Marea (455mila euro), Nizza di Sicilia (405mila euro), Pace del Mela (500mila euro), Sant'Angelo di Brolo (99mila euro), Santa Teresa di Riva (550mila euro)

Palermo: Caccamo (134mila euro), Prizzi (498mila euro)
Ragusa: Giarratana (437mila euro), Monterosso Almo (500mila euro)

Progetti esclusi: Bivona, Brolo, Calascibetta, Milazzo, Montedoro

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×