Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

InSemola, la pasta fresca prodotta dai disabili psichici
Tutor: «Questa esperienza sta cambiando le loro vite»

C'è chi prepara le forme, chi i piatti da asporto, chi cura le relazioni con clienti e fornitori. È merito della cooperativa Controluce che ha avviato un progetto «per favorire l'autonomia lavorativa degli utenti», spiega la responsabile a MeridioNews. Guarda le foto

Concetta Purrazza

Riscatto sociale, lavoro di squadra e amore per la tradizione. Sono questi gli ingredienti essenziali di InSemola, il primo pastificio etico artigianale che mira all’inserimento lavorativo di disabili psichici che si trova a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. Una scommessa, lanciata dalla cooperativa Controluce, che dà la possibilità a quindici giovani socialmente vulnerabili, dai 18 ai 40 anni, di apprendere un mestiere e di potenziare le relazioni sociali, riscoprendo il piacere di stare ‘nzemmula. Il nome del pastificio, infatti, non allude soltanto alla semola ma soprattutto al termine che in dialetto siciliano si usa per dire «stare insieme».


«Dall’esperienza dei gruppi appartamento pensati per la riabilitazione sociale di persone con problemi psichici - spiega a MeridioNews la psicologa Marta Cortese che è la responsabile del progetto - ci siamo attivati per dare vita a un’iniziativa volta a favorire l’autonomia lavorativa dei nostri utenti perché crediamo con forza nel loro inserimento nella società». È con questo entusiasmo e con un pizzico di temerarietà che nasce il pastificio InSemola, sorto dal progetto Mani in Pasta e realizzato con il sostegno di Fondazione Con il Sud e la sinergia tra tutti i partner coinvolti: dal Comune di San Cataldo al dipartimento di salute mentale di Caltanissetta, dal distretto dociosanitario D11, a MoVi, passando anche per l’associazione Trecentosessantagradi e Slow Food Enna.

I quindici ragazzi, a turni di cinque, partecipano con entusiasmo a tutto il processo produttivo. Nel piccolo laboratorio artigianale, non esistono disagi né barriere ma tanta solidarietà e altrettanta voglia di imparare. C’è chi prepara la pasta, chi i piatti da asporto, chi cura i rapporti con la clientela e i fornitori. Un percorso virtuoso che i futuri pastai costruiscono, giorno dopo giorno, insieme ai due tutor-chef Lucia La Fisca e Ivan Giordano e con il supporto delle psicologhe Alessandra Campanella e Claudia Giammusso.

Linguine, manichette, cavati, lasagne, paccheri, caserecce, spaghetti, pappardelle, cannelloni, capellini. Sono alcune delle varietà di pasta fresca prodotte e acquistabili all’interno del pastificio. A queste tipologie, si aggiungono alcune novità recuperate dalla tradizione: nascono così i ravioli di gamberoni e merluzzo aromatizzati con arancia e barbabietola, quelli con salsiccia e funghi racchiusi da una morbida sfoglia di cacao, e anche quelli con spinaci e scamorza. «Le semole di grani antichi (Simeto, Anco Marzio, Duilio, Iride, Tumminia), le materie prime locali, l'asciugatura lenta, la giusta temperatura, la scelta dei condimenti sono - ammette Cortese - il segreto per una pasta di qualità che piace a grandi e piccini».

La scommessa più grande resta quella di affermarsi sul territorio come esempio di buona prassi. Tra le finalità del progetto, c’è anche quello di «creare vaste reti locali per indirizzare i beneficiari verso una graduale integrazione lavorativa a conclusione del percorso». Per la referente, una delle sfide più difficili, però, è già stata in parte vinta. «L’esperienza nel pastificio sta cambiando la qualità delle loro vite. L’importanza dell’autonomia lavorativa, la possibilità di mettersi alla prova e di imparare un mestiere, li aiuta a confrontarsi con la società e a superare le loro paure. Allo stesso tempo - conclude Cortese -  chi entra in contatto con loro, sperimenta una nuova consapevolezza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×