Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sancataldese, Ficarrotta e il suo particolare record
«Bello segnare al Bari, ma il ko è risultato bugiardo»

L’attaccante verdeamaranto è l’unico calciatore del girone I di serie D ad aver realizzato due reti (tra andata e ritorno) alla corazzata pugliese: «Tanti episodi però ci hanno penalizzato». E non manca una frecciatina: «Gli arbitri soffrono di sudditanza»

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Sancataldese Calcio Official

Foto di: pagina Facebook Sancataldese Calcio Official

«Segnare a queste squadre è sempre bello, perché si tratta di società che hanno fatto la storia del calcio italiano e in cui hanno giocato giocatori fortissimi». L’attaccante della Sancataldese Luca Ficarrotta esprime così a MeridioNews le sue emozioni dopo la rete realizzata domenica scorsa contro il Bari. Una rete che, però, non è bastata a evitare la sconfitta ai suoi, dato che i Galletti poi si sono imposti per 2-1. Con quel gol, però, l’attaccante ha ottenuto due record particolari: è l’unico calciatore ad aver realizzato due reti (all’andata era finita 4-1 per i biancorossi) ai pugliesi ed è il primo in campionato a mandarli in svantaggio. «Li abbiamo messi sotto per tutta la partita, dal punto di vista atletico e tecnico, tanto che il risultato è bugiardo - commenta -. Inoltre possiamo lamentarci per due rigori non dati e un’espulsione non assegnata».

La gara si è chiusa tra polemiche e tensioni che sono costate a Sancataldese e Bari rispettivamente 1.300 e 1.000 euro di multa. «C’è stata una piccola rissa e per questo sono arrivate queste ammende che si potevano benissimo evitare», ammette. Ad alzare i toni nell’immediato dopopartita era stato il team manager barese, Matteo Scala. Il dirigente biancorosso aveva lamentato il fatto che «in trasferta è sempre la stessa storia, tutti hanno visto quello che è successo in campo e fuori». Accuse a cui l’attaccante verdeamaranto replica così: «Io posso parlare per ciò che è successo in campo. Giocavano con pugni in faccia e anche altro, ma sono scontri di gioco che possono starci». E tra i sancataldesi, qualcuno si è anche lamentato dell’eccessiva confidenza che i giocatori baresi avevano con l’arbitro: «Non voglio dire che gli arbitri aiutino il Bari a vincere, ma subiscono una certa forma di sudditanza psicologica».

Ficarrotta ha già collezionato sette gol in questa stagione e per l’attaccante si tratta del secondo anno in verdeamaranto: «Qui mi trovo bene, si tratta di una società seria che non ci fa mancare nulla. Ed è grazie a quest’anno e mezzo giocato qui che sto cominciando a ricevere anche offerte dalla serie C». E proprio in serie C, con Trapani, Casale e Nocerina, il calciatore classe ’90 ha fatto tanta esperienza anche se poi è uscito dal giro: «Quando ci fu quel famoso Nocerina-Salernitana e lo scandalo dei giocatori che si buttavano a terra io ero lì. Poi la squadra è stata radiata, io sono stato fermo per sei mesi. Quindi ho dovuto ricominciare dalla serie D».

La stagione della Sancataldese era cominciata con Mascara in panchina: «Avevamo instaurato da subito un buonissimo rapporto. Ci trattava tutti allo stesso livello, ci ha dato tantissimo anche a livello di consigli. Purtroppo nel calcio gli esoneri si devono mettere in conto». Adesso il suo posto è stato preso da Manuel Milanesio: «Il mister era già qui, era il secondo di Mascara e quindi lo conoscevamo già. Stiamo ottenendo dei buoni risultati anche in termini di prestazioni». Lo scorso anno il calciatore ha messo a segno 12 reti, l’obiettivo è quello di migliorarsi: «Prima di tutto voglio dare il mio contributo per raggiungere l’obiettivo della squadra che è la salvezza. Poi vorrei superare i gol dell’anno scorso e magari - conclude il ragazzo - arrivare a 15 o 18».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×