Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Semaforo rosso per la Finanziaria in Assemblea
Non c'è accordo, rinvio Aula a data da destinarsi

Ancora uno stallo tra i corridoi del Palazzo, dove ancora non è ufficialmente arrivato il testo collegato alla Finanziaria. Senza quella norma, la Commissione Bilancio non va avanti sull'esame della Legge di Stabilità. Inevitabile il ricorso all'esercizio provvisorio

Miriam Di Peri

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Il semaforo, per la Finanziaria, continua ad essere inesorabilmente rosso. Già ieri sera era chiaro che quella di oggi sarebbe stata una giornata di rinvii e tensioni. Il primo dei quattro testi collegati alla legge di Stabilità non ha convinto nessuno, tra i deputati a Sala d'Ercole. Anzi, ufficialmente non è proprio arrivato tra i corridoi del Palazzo. 

Il testo snello che Palazzo d'Orleans ha inviato ieri sera alle redazioni non convince i deputati regionali, che naturalmente non commentano ufficialmente, alla luce del fatto che il testo che hanno letto informalmente, qui, tra i corridoi del Palazzo, non ha appunto alcuna ufficialità. 

Intanto la conferenza dei capigruppo, convocata per questo pomeriggio alle 15.30, è stata rinviata a domani. Mentre la seduta di Sala d'Ercole è stata rinviata «a data da destinarsi». Proprio così: i deputati verranno convocati a domicilio. Ferma anche la Commissione Bilancio, il cui presidente Riccardo Savona mantiene la linea definita in conferenza dei capigruppo secondo cui fino a quando non arriverà il collegato all'Ars, l'esame della Finanziaria resterà sospeso. In questo quadro, il ricorso quantomeno a un altro mese di esercizio provvisorio appare pressoché inevitabile.

«Ormai siamo alla paralisi - commenta il vicepresidente dell'Ars, Giancarlo Cancelleri (M5S) - La maggioranza è ostaggio di se stessa, in barba alle aspettative e ai bisogni di siciliani. E meno male che con Musumeci doveva cambiare la musica. I partiti di riferimento di Musumeci non riescono a fare la quadra su come spartirsi le poche briciole della misera torta del collegato e di conseguenza il via libera all’esame di Bilancio e alla Finanziaria non riesce a partire. L’unica cosa certa è solo la comunicazione del collegato alla stampa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews