Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

#Tenyearschallenge, come sono cambiati i territori
Il prima e il dopo del Muos e della discarica di Motta

Dal 2009 al 2019 in Sicilia ci sono stati grandi cambiamenti. A fotografarne due sono stati gli attivisti Fabio D'Alessandro e Danilo Festa, protagonisti rispettivamente della lotta dei cittadini contro l'ecomostro di Niscemi e l'ampliamento di Valanghe d'inverno

Redazione

Dal 2009 al 2019 in due foto: come si cambia in dieci anni? L'obiettivo della #tenyearschallenge, la sfida lanciata sui social network, è che gli utenti mostrino le differenze tra il prima e il dopo. Ma in Sicilia qualcuno ha scelto di rappresentare i territori. Due in particolare: la sughereta di Niscemi (foto di Fabio D'Alessandro) e la valle dei Sieli di Motta Sant'Anastasia (foto di Danilo Festa). Con un obiettivo comune dalla provincia di Caltanissetta a quella di Catania: raccontare in immagini un decennio di proteste dei cittadini e di impianti costruiti. Cioè il Muos degli Stati Uniti d'America e l'ampliamento della discarica di Valanghe d'inverno della società Oikos.

Nel 2009 il movimento No Muos niscemese comincia a organizzarsi: la costruzione del sistema di comunicazione satellitare dei militari Usa era stata autorizzata (le parabole sarebbero state montate a partire dal 2011) e gli attivisti dai territori sono i primi a muoversi per tentare di ostacolarla. Ne nasce una lunga battaglia - fatta di manifestazioni di proteste, denunce, arresti e condanne - al termine della quale, però, almeno fino a questo momento ad avere la peggio sono i manifestanti. I quali incassano una serie di sconfitte sancite dalle sentenze dei giudici amministrativi e dei magistrati del settore penale. 

Sempre dieci anni fa, poi, comincia la vicenda dell'ampliamento di Valanghe d'inverno, il maxi-impianto di trattamento della spazzatura alle porte dei Comuni di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. La ditta Oikos, di proprietà della famiglia Proto, ottiene il via libera da parte della Regione Siciliana e i comitati No discarica iniziano una lotta, anche questa decennale. Nel frattempo, di acqua sotto i ponti ne passa tanta: i lavori iniziano, vanno avanti e si concludono. Mentre un'inchiesta della magistratura palermitana su un giro di corruzione nel sistema dei rifiuti isolani coinvolge il patron della discarica Mimmo Proto e causa un'interdittiva antimafia, poi revocata, nei confronti della ditta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×