Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Contratto con Musumeci? M5s dice no al presidente
«Ci alliscia solo perché i suoi non votano Finanziaria»

Nell'ultimo mese e mezzo il rapporto tra il governatore, in difficoltà per la maggioranza ballerina, e i Cinque stelle è stato segnato da aperture e attacchi. Un possibile accordo per le riforme sembra sempre più lontano, visti i prossimi appuntamenti all'Ars e alle urne

Salvo Catalano

La tempistica degli appelli rivolti da Nello Musumeci al Movimento 5 stelle, l'altalena di attacchi e aperture nei loro confronti, le difficoltà della maggioranza di centrodestra in commissione Bilancio per fare approvare la Finanziaria. Messi in fila, sono questi tre fattori a spingere il gruppo parlamentare pentastellato a rimandare al mittente la richiesta del governatore di collaborare. Il presidente lo dice ormai da qualche settimana. Il 31 dicembre, intervistato da MeridioNews, aveva detto: «Ma certo, facciamolo il mini contratto con i Cinque stelle. Facciamone uno, due, tre. Ma allegato al contratto che abbiamo fatto con gli elettori siciliani. Nessuno può chiedermi di tradire la fiducia che ho ricevuto da quasi un milione di siciliani. Non possiamo azzerare il mio contratto, ma possiamo integrarlo». Apertura ribadita ieri in un'intervista a La Repubblica. E sempre ieri il gruppo regionale M5s si è confrontato durante una lunga riunione serale per analizzare lo stato delle cose che vede un parlamento regionale paralizzato, incapace di legiferare, una maggioranza di centrodestra che non intende approvare la Finanziaria proposta dal suo esecutivo senza avere in cambio l'impegno di fare passare una serie di emendamenti e, concluso il periodo legato all'approvazione dei documenti finanziari (Legge di stabilità e collegato), ecco le elezioni europee alle porte. 

Così stamattina dai Cinque stelle è arrivato il comunicato ufficiale: «L'apertura di Musumeci? Più che un messaggio a noi è un chiaro segnale di fumo ai suoi alleati e ai collaborazionisti del Pd. Non possiamo non notare il repentino e inaspettato cambio di opinione del presidente della Regione rispetto a qualche settimana fa, ma questo, più che una reale apertura per risolvere i problemi della Sicilia, ha tutto il sapore della mossa di chi, in netta difficoltà a causa dei continui strattonamenti di giacchetta che non gli consentono di prendere con serenità le dovute decisioni per la Sicilia, vuole lanciare un messaggio chiaro alla sua compagine in vista della Finanziaria».

Non ora, insomma. «A inizio dicembre - ricorda la deputata pentastellata Angela Foti - anche noi abbiamo tirato le somme di un anno di attività parlamentare, riscontrando che l'Ars non aveva esitato nessuna norma. E abbiamo detto: sediamoci insieme al presidente, proviamo a trovare un accordo per fare le riforme importanti. Consorzi di bonifica, Iacp, il personale, l'urbanistica, le Ipab. E invece pochi giorni dopo Musumeci ribadì che non voleva fare ribaltoni e che noi eravamo in cerca di poltrone. Qualche settimana ancora e agli auguri di Natale di Diventerà Bellissima andò oltre, definendoci peggio di una calamità naturale. Cosa che onestamente non ci aspettavamo e che ci ha dato molto fastidio. Poi improvvisamente ha cambiato idea, la verità è che ha paura di non avere i numeri e detta in estrema sintesi, alliscia noi per richiamare i suoi all'ordine». 

Niente contratto, dunque, alla vigilia di un passaggio d'aula decisivo come Finanziaria più collegato. E difficilmente questo tavolo si aprirà a ridosso delle elezioni europee, periodo durante il quale i deputati saranno impegnati nella campagna elettorale e verosimilmente le attività dell'Ars si ridurranno ulteriormente. «In ogni caso - conclude Foti - Musumeci deve fare pulizia nella sua maggioranza eterogenea e ballerina che comprende anche chi ha sostenuto Crocetta nella passata legislatura. Deve scegliere se concedere a questi soggetti pezzi di economia, la marchette nella finanziaria, o se vuole fare le riforme serie. E con chi le vuole fare. Altrimenti passeranno altri cinque anni in cui non faremo altro che pagare stipendi senza cambiare nulla».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×