Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Finanziaria, nuova fumata nera in Assemblea
Governo assente, ira delle opposizioni in Aula

Nulla di fatto questa mattina a Palazzo dei Normanni, dove il destino della Finanziaria resta indissolubilmente legato al testo collegato, nel quale dovrebbero confluire gli emendamenti aggiuntivi presentati dai deputati, soprattutto tra quelli di coalizione

Miriam Di Peri

Una «palude» destinata a protrarsi almeno fino a martedì prossimo. Nel black friday del governo regionale è ancora una fumata nera quella che si alza da palazzo dei Normanni. Tutto fermo, almeno fino a martedì. O più che altro fino a quando il governo non porterà in Assemblea la proposta di testo collegato alla Finanziaria. Dove, per intenderci, dovrebbero confluire gli emendamenti aggiuntivi presentati dai deputati. E che al momento non hanno trovato spazio nelle pieghe della legge di stabilità, ma soltanto un fiume di buoni propositi rispetto alla loro collocazione del ddl collegato, appunto, alla Finanziaria. Una bozza che potrebbe approdare a Palazzo già nella giornata di lunedì. Così ecco che questa mattina in Aula i deputati dem e cinquestelle hanno lamentato l’assenza del governo regionale. Parlando appunto dipalude.

Secondo il capogruppo del Pd, Giuseppe Lupo, la commissione Bilancio sarebbe ancora ferma alla discussione generale, mentre la maggioranza aspetterebbe «il collegato per fare il proprio banchetto». Ecco perché il capogruppo pentastellato, Francesco Cappello, chiede «una nuova road map o una proroga dell'esercizio provvisorio». Un punto rispetto al quale c’è stata in effetti un’apertura di credito da parte della presidenza dell’Assemblea, che ha convocato per martedì alle 15.30 la conferenza dei capigruppo, proprio per stabilire il calendario della sessione di bilancio. A seguire dovrebbe prendere il via il dibattito in Aula.

Secondo Antonello Cracolici (Pd) si tratta quasi della cronaca di un «flop annunciato: prima un calendario dei lavori a dir poco improbabile, poi il governo che scrive una finanziaria colabrodo, infine i suoi stessi assessori che presentano emendamenti per stravolgerne il testo. Insomma, Musumeci non dovrebbe dichiarare soltanto di non avere una maggioranza, dovrebbe prendere atto di non avere neppure un governo».

Giuseppe Arancio, invece, è intervenuto commentando la smentita della ministra Grillo all’assessore Razza, a proposito dell’ok annunciato alla rete ospedaliera. Secondo Arancio, le parole della ministra «la dicono lunga sull’approssimazione e sulla fragilità dei rapporti tra governo regionale e governo nazionale».

Secondo i pentastellati in commissione Bilancio, Luigi Sunseri, Stefano Zito e Sergio Tancredi, invece, «un’altra settimana è volata via a vuoto. È chiarissimo che il governo è prigioniero dei suoi alleati, che vogliono certezze sulle bandierine da poter piantare nel collegato, che sarà la vera Finanziaria. Dopo aver clamorosamente fallito l’obiettivo principe, la manovra da approdare entro il 31 dicembre scorso, Musumeci rischia di fallire anche i successivi. Il rischio di prolungare l’esercizio provvisorio è tutt’altro che remoto. Con tutte le conseguenze che ne deriveranno per i siciliani».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×