Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

I Forconi incontrano i Gilet gialli a Roma
«Si comincia a respirare alta tensione»

L'incontro è stato reso noto da Mariano Ferro, uno dei leader storici del movimento di protesta. «Le aspettative di quel cambiamento che tutti si aspettano sono molto alte. Eventuali indesiderate delusioni potrebbero essere pericolose e comunque certamente più amare del solito»

Redazione

Forconi e Gilet gialli si incontreranno sabato a Roma, rende noto Mariano Ferro, uno dei leader storici del movimento di protesta che soprattutto alcuni anni fa ha infiammato in particolare il Sud Italia, con alcune analogie con quello attuale francese. 

"Su iniziativa del Movimento Popolare di Liberazione Programma 101 (sigla di estrema sinistra anti-euro e anti-liberista, ndr) alle 15,30 presso l'Hotel Massimo D'Azeglio in via Cavour incontriamo due dei protagonisti della prima ora, insieme ad altri, della sollevazione popolare in atto in Francia - si legge in una nota dei Forconi - : Veronique Rouille e Yvan Yonnet. Solidarietà ai vicini d'oltralpe in un interessante confronto tra quanto sta accadendo in Francia con l'europeista Macron, e la realtà di casa nostra con i giallo-verdi alle prese con la prova di Governo". 

"Dalla Francia non arriva grande entusiasmo per l'invito del M5S alla collaborazione ai gilet gialli, tutt'altro - prosegue la nota -. Ma c'è una cosa che a noi Forconi, come pensiamo a gran parte del popolo giallo-verde, interessa in modo particolare: il futuro di questo Governo vuole somigliare più ai gilet gialli francesi o intende confermare politiche neo liberiste del passato volute dal "sistema" e sponsorizzate negli ultimi decenni da quei famosi "poteri forti" che ci hanno accompagnato al caos, alla povertà e alle diseguaglianze di oggi? Era quasi prevedibile che con un'Italia disastrata da molti punti di vista ed un Governo "antisistema", ci apprestavamo a vivere un momento di scontro sociale particolarmente delicato". 

"Le aspettative di quel "cambiamento" che tutti si aspettano sono molto alte, tanto alte quanto è alta la tensione che si comincia a respirare, eventuali indesiderate delusioni potrebbero essere pericolose e comunque certamente più amare del solito, per il paese diventerebbero un dramma - si conclude il comunicato dei Forconi -. Per il momento, com'è ormai da molti anni, continuiamo ad apparecchiare la tavola con pane e speranza ma non possiamo aspettare troppo, vorremmo solo vivere in un paese normale".

(Fonte: Ansa)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×