Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'omicidio del vigile del fuoco, due ergastoli
L'uomo ucciso a Santa Teresa per un debito

La Corte d'Assise di Messina ha condannato al carcere a vita Fortunata Caminiti e il suo compagno Fabrizio Ceccio per aver assassinato Roberto Scilipiti, vigile del fuoco di Roccalumera, il 5 gennaio del 2017

Simona Arena

Ergastolo. Questa la decisione presa dal presidente della Corte d’assise Massimiliano Micali che ha condannato al carcere a vita Fortunata Caminiti e il suo compagno Fabrizio Ceccio. I due erano accusati di omicidio premeditato, occultamento di cadavere, detenzione illegale di armi, falsità materiale e sostituzione di persona. Per i giudici sono stati loro ad avere ucciso con un colpo di pistola alla testa Roberto Scipilliti, vigile del fuoco di Roccalumera, il 5 gennaio del 2017. 

Un’esecuzione in piena regola, come fu chiaro quando venne trovato il cadavere dell’uomo nelle campagne di Rina, a Savoca. Alla base dell’omicidio un debito di circa 1.500 euro contratto dalla vittima nei confronti della coppia condannata. Le indagini condotte dai carabinieri portarono all'arresto dei due agli imbarcaderi di Messina qualche giorno dopo la scomparsa di Scipilliti. Rientravano dalla Toscana e avevano una pistola con il colpo in canna e vari documenti falsi. 

Gli accertamenti successivi hanno permesso di documentare che la coppia, il giorno della scomparsa di Scipilliti, aveva noleggiato una Fiat Panda gialla, riportata poi all’agenzia con il vano sotto il sedile sporco di sangue. La stessa utilitaria è stata immortalata nelle immagini di video sicurezza di un impianto di sorveglianza a Santa Teresa di Riva.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×