Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Città di Messina, il giovane Dama in rampa di lancio
«Che sorpresa la convocazione in Rappresentativa»

Il difensore, classe 2001, fa parte della selezione chiamata da Tiziano De Patre che ha convocato 27 calciatori per l’Area Sud. Per lui è il primo anno in serie D, tra sacrifici, studio e spostamenti in treno: «Voglio imparare il più possibile»

Luca Di Noto

Foto di: Marco Familiari

Foto di: Marco Familiari

«Non mi aspettavo questa convocazione, adesso darò il massimo». È questo il pensiero di Davide Dama, giovane difensore del Città di Messina, classe 2001, che è stato convocato da Tiziano De Patre, tecnico della Rappresentativa Under 18 della Lega Nazionale Dilettanti, per la selezione relativa all’Area Sud. Dell’elenco dei convocati fanno parte altri 26 calciatori e Dama è uno dei quattro siciliani a essere stati chiamati a Catanzaro dove oggi si terrà la seduta d'allenamento. «Ci saranno tanti ragazzi che sapranno il fatto loro - spiega a MeridioNews -. Voglio apprendere il più possibile dal punto di vista tecnico e mentale. Ovviamente mi piacerebbe continuare questa avventura anche in futuro». Per il calciatore questo è il primo anno in serie D: «Con la categoria ho avuto un approccio discreto. La sto affrontando in punta di piedi e cerco di ambientarmi gara dopo gara. Qui mi trovo benissimo, siamo un bel gruppo».

La squadra giallorossa, al di là della sconfitta di domenica scorsa, adesso sta facendo bene dopo un avvio di campionato complicato: «Abbiamo avuto un inizio di stagione difficile. Da neopromossa ci dovevamo ambientare. Adesso ci siamo ripresi alla grande». L’obiettivo del club peloritano è innanzitutto mantenere la categoria, per poi pensare, eventualmente, di togliersi qualche soddisfazione in più: «Noi guardiamo alla salvezza, ma secondo me - spiega ancora Dama - possiamo raggiungere addirittura i play off».

La squadra a disposizione di mister Furnari è formata da tantissimi giovani messinesi, con alcuni calciatori d’esperienza che danno il loro contributo anche in tal senso: «Mi sta aiutando tantissimo soprattutto il capitano Domenico Bombara. Lui mi dà tanti consigli giorno dopo giorno. Anche Fragapane e gli attaccanti ci aiutano». Il Città di Messina punta tantissimo sui giovani ed è proprio così che Dama ha cominciato a far parte della prima squadra: «Tutto è successo l’anno scorso grazie a mister Cosimini che mi ha sollevato il morale e mi ha spinto ad andare avanti. Dal ritiro precampionato ho cominciato a far parte della prima squadra. Questo è davvero un bel gruppo, trascorriamo tempo insieme anche fuori dagli orari di allenamento».

Diciassettenne, Dama divide le sue giornate tra studio e campo: «La mattina mi alzo e vado a scuola a Milazzo. Da lì con il treno parto per per Messina. Torno a casa la sera. Sono sacrifici che però faccio volentieri». Vista la giovane età del calciatore, inevitabile che si finisca a parlare anche di futuro, ma Dama preferisce pensare al presente. «Per ora mi importa fare bene giorno dopo giorno e migliorarmi», conclude.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×