Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Incidente su A1, coinvolta una 27enne niscemese
Muore compagno, 10 feriti. Auto contro cinghiali

La ragazza, Marina Galesi, era fidanzata con un 28enne rimasto ucciso. I due vivevano a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena. A MeridioNews il racconto del padre della donna: «Non è ammissibile morire per l'attraversamento dei cinghiali»

Rossella Cirrone

Una 27enne originaria di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, è rimasta coinvolta in un incidente ieri mattina in Lombardia. Marina Galesi, questo il nome della ragazza, nata nella località dle Nisseno e cresciuta a Rimini, si trovava a bordo di una Volkswagen Polo, guidata dal compagno 28enne. Il giovane Slavomir Andrees - ma per tutti Andrea - Lombardi, di origini polacche e figlio adottivo di una famiglia di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, ha perso la vita nell'impatto. 

La coppia stava ritornando da una vacanza, quando intorno alle 4 di notte, nel tratto tra Lodi e Casalpusterlengo dell'autostrada A1, è rimasta coinvolta in un incidente insieme ad altre tre autovetture. Coinvolti anche bambini e adolescenti per un totale di dieci feriti. Complessa la dinamica: stando alla ricostruzione della polizia, ci sarebbero stati diversi impatti uno dopo l’altro. Nel primo è avvenuto lo scontro tra due auto contro un piccolo branco di cinghiali, che stava attraversando il tratto autostradale. Poco dopo, il secondo impatto: uno dei due uomini sarebbe sceso dalla macchina per soccorrere o chiedere aiuto e sarebbe stato travolto dalla Polo del 28enne polacco che, successivamente dopo essere finito contro gli altri due mezzi fermi, è morto sul colpo. Il guidatore che aveva abbandonato la propria auto si trova invece in gravi condizioni all'ospedale di Parma.

La fidanzata, attualmente in prognosi riservata presso l’Ospedale Maggiore di Lodi, ha riportato varie fratture in tutto il corpo e un grave trauma al torace che ha provocato il collasso di un polmone. «Marina è quasi fuori pericolo - racconta il padre Enzo Galesi a MeridioNews - ma siamo ancora in allerta». Marina vive a Castelfranco Emilia, dove da un paio d’anni conviveva insiema al compagno. Da oltre venti vive in Emilia Romagna, dove i genitori hanno deciso di trasferirsi. «Marina è nata a Niscemi ma è cresciuta qui. Il suo mondo, i suoi amici, la sua vita sono sempre stati qui - continua il padre -. Quattro anni fa ha incontrato Andrea, con il quale aveva il progetto di costruire una famiglia. Per questo avevano deciso di vivere insieme a Castelfranco, dove abita la famiglia di lui e dove entrambi lavoravano». Tanto il dolore per la morte del ragazzo. «Non è giusto che in autostrada, dove si paga un ingresso per avere un servizio, avvengano fatti simili. Non è ammissibile che per un attraversamento di cinghiali si muoia», denuncia l'uomo. 

Secondo una stima di Coldiretti, negli ultimi anni sono stati quasi quattrocento gli incidenti provocati dai cinghiali che, come in questo caso, scavano dei cunicoli sul terreno adiacente alla recinzione, lasciandola perfettamente integra e attraversano i tratti autostradali indisturbati. «Alcuni agricoltori della zona avevano denunciato la presenza massiccia dei cinghiali in questa zona, non è giusto che si debba sempre aspettare il morto per agire», conclude il padre della ragazza.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×