Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Botti, bollettino di guerra tra Palermo e Agrigento
Cinque bambini con amputazioni, ustioni e lesioni

All'ospedale Civico di Palermo sono arrivati anche due giovani provenienti dall'Agrigentino: un 15enne ha perso la mano e i chirurghi stanno provando a salvargli l'altra, mentre un 20enne ha riportato gravi ferite: «Non escludiamo altri casi in arrivo»

Simone Olivelli

«Abbiamo un bollettino di guerra e al momento non siamo in grado di dire che non arriveranno altri casi nelle prossime ore». Sono le parole usate dalla direttrice sanitaria dell'Arnas Civico di Palermo, Rosalia Mulè, per commentare il numero di feriti, tutti giovanissimi e bambini, arrivati nel nosocomio tra la notte di ieri e questa mattina. 

I due casi più gravi arrivano da Naro e Palermo. Un 15enne di origini romene, residente nella località dell'Agrigentino, ha riportato gravi conseguenze agli arti superiori: il ragazzo, infatti, ha avuto l'amputazione di una mano, mentre per l'altra i chirurghi stanno cercando di intervenire per salvarla. A perdere una mano è stato anche un bimbo di appena otto anni che vive nel capoluogo. Entrambi sono arrivati in ospedale nelle prime ore di ieri notte.

Casi molto più recenti, molto probabilmente causati dall'avere preso da terra petardi inesplosi durante la giornata di ieri, sono quelli che riguardano un undicenne con ustioni di primo grado alla mano, un 18enne con ustioni di primo grado al volto, ma anche un bambino di dieci anni con ferite multiple alle gambe e un coetano che ha riportato ustioni di primo e secondo grado alle mani. Completano la lunga lista un 12enne con ustioni al volto e un 20enne di Ribera, in provincia di Agrigento, che è da poco arrivato con un trauma complesso alla mano.

Le notizie di oggi si sommano a quelle di ieri, provenienti perlopiù dalla Sicilia orientale. A Catania, infatti, un 43enne ha avuto amputata una mano, mentre un uomo originario dell'Acese ha perso tre dita. I feriti nel complesso sono stati sette in provincia. Nel Messinese, invece, si sono registrati tre casi.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×