Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio Scoglitti, spari per rifiuto di lasciare compagna
«Non era la prima lite, ci ha indicato dove era la pistola»

Il delitto che si è consumato nella zona di Costa Fenicia è arrivato al culmine di una violenta discussione. La vittima Julien Anachiae pretendeva che Vincenzo Vindigni lasciasse la donna con cui stava. Ferita una terza persona

Piero Burrugano

Numerosi colpi di pistola hanno spezzato ieri sera il silenzio di Costa Fenicia, una zona della frazione vittoriese di Scoglitti. A sparare un giovane di 28 anni, Vincenzo Vindigni. La vittima è un uomo di origine rumena Julien Anechiae. Alla base dell’omicidio ci sarebbero dei dissidi familiari e il tentativo di portare via la compagna del 28enne.

Erano da poco passate le 20 quando, presso l’abitazione di Vindigni, si sono presentati due uomini, Anechiae e un amico italiano. Erano andati a Costa Fenicia per riportare a casa una donna, anche lei di origine rumena e cognata della vittima, che da qualche tempo viveva con Vindigni. Ne è nata subito una violenta discussione. «Non era la prima volta che la vittima si recava nell'abitazione in cui risiedeva l'omicida - racconta a MeridioNews Giancarlo Pallotta, capitano dei carabinieri di Vittoria -. Non accettavano la relazione tra il vittoriese e la compagna. A questa richiesta però il 28enne vittoriese ha perso le staffe e ha litigato violentemente con l'uomo. Nel mezzo della lite Vindigni ha tirato fuori una pistola e ha cominciato a sparare innumerevoli colpi. Uno di questo si è rivelato mortale per il rumeno. L'uomo che accompagnava la vittima - conclude il capitano - è stato ferito ma non in modo grave».

È stato lo stesso Vindigni a costituirsi a carabinieri ammettendo ogni responsabilità. Lo stesso ha condotto i militari dell’arma sul luogo in cui aveva gettato l’arma che a una prima ispezione è apparsa con la matricola abrasa. L'uomo è stato trasferito presso il carcere di Ragusa a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×