Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani-Catanzaro 2-1, vittoria in rimonta
Arbitro fischia tre rigori, due sono parati

I granata vanno sotto in avvio di gara con un penalty realizzato da Kanouté. La reazione dei siciliani è veemente con le reti di due senatori, Taugourdeau e Pagliarulo, che arrivano nel secondo tempo

Luca Di Noto

Santo Stefano sereno per il Trapani che si regala altri tre punti pesanti per una classifica che continua a sorridere. I granata si impongono in rimonta per 2-1 sul Catanzaro, una delle big del campionato, e si regalano la terza vittoria consecutiva portandosi a quota 36 punti in classifica e consolidando il secondo posto.

Succede di tutto già nel primo tempo, con i primi minuti contraddistinti dal tentativo di impostare la manovra da parte di entrambe le formazioni. All’8’ l’arbitro Sozza concede un rigore alla squadra calabrese per fallo di Costa Ferreira su Kanouté. Lo stesso attaccante si porta sul dischetto e non sbaglia dagli undici metri. I siciliani provano a scuotersi e sfiorano subito il pari con un tiro di Evacuo che termina di pochissimo a lato. Al quarto d’ora, rete annullata a Kanouté per fuorigioco, poi i ritmi calano sensibilmente fino alla mezz’ora, quando il Trapani guadagna un calcio di rigore per fallo di Celiento e Riggio su Pagliarulo. Evacuo si incarica della battuta ma Furlan, suo ex compagno lo scorso anno in granata, para il suo tentativo. Prima dell’intervallo ci prova Corapi su punizione, palla sul fondo e si va al riposo sullo 0-1.

Inizia la ripresa e dopo appena cinque minuti il Catanzaro ha l’occasione per raddoppiare con un altro rigore, concesso per fallo di Pagliarulo su Kanouté. È ancora l’attaccante ad andare sul dischetto, ma stavolta il suo tiro è debole e prevedibile e Dini non ha nessun problema a parare. È questo l’episodio che dà la scossa ai padroni di casa. I granata alzano l’intensità e al 65’ raggiungono il pareggio con un calcio di punizione potente e preciso di Taugourdeau, che beffa Furlan. La squadra di mister Italiano adesso ci crede e pressa alto, creando diverse occasioni. In una di queste, al 73’ ecco il gol del vantaggio: sugli sviluppi di un corner, Pagliarulo stacca di testa trovando la risposta di Furlan, ma lo stesso capitano granata ribadisce in rete. La gara si innervosisce un po’ e quattro minuti più tardi i siciliani trovano il tris con Nzola che però viene annullato per fuorigioco. Nel finale, il Catanzaro prova a reagire, ma il Trapani si difende con ordine e con tutti gli uomini, portando a casa i tre punti.

IL TABELLINO

TRAPANI (4-3-3): Dini; Scrugli, Pagliarulo, Taugourdeau, Costa Ferreira; Aloi, Corapi, Toscano (59' Scognamillo); Tulli (59' Nzola), Evacuo, Dambros (85' Garufo). A disp.: Kucich, Ferrara, Scognamillo, Da Silva, Mulè, Nzola, D’Angelo, Tolomello, Valenti. All. Italiano.

CATANZARO (3-4-3): Furlan; Celiento, Lame (34' Nicoletti), Riggio; Statella, Maita, Iuliano, Favalli; D'Ursi (58' Ciccone), Kanoute, Fischnaller (58' Giannone). A disp.: Elezaj, Mittica, Nicoletti, Lame, Eklu, Nikolopoulos, Ciccone, Repossi. All. Auteri.

ARBITRO: Sozza di Seregno (Avalos-Catamo).

MARCATORI: 11' rig. Kanouté, 65' Taugourdeau, 73' Pagliarulo

NOTE: Ammoniti: Maita, Nicoletti, Riggio, Statella (C), Pagliarulo, Taugourdeau (T). Al 32' Furlan (C) para un calcio di rigore battuto da Evacuo (T). Al 50' Dini (T) para un calcio di rigore battuto da Kanouté.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×