Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scicli, paga rate ai creditori ma rischia lo sfratto
Legale: «Caso unico, piano approvato da tribunale»

Il nipote di Giorgio Occhipinti, imprenditore 74enne, si è incatenato per protestare contro quella che ritiene un'ingiustizia. Nonostante l'uomo abbia avuto l'ok al piano di sovraindebitamento, ieri per la terza volta ha rischiato di essere messo fuori casa

Piero Burrugano

Foto di: nuovo sud

Foto di: nuovo sud

Era previsto per ieri mattina l’arrivo dell’ufficiale giudiziario nella proprietà del signor Giorgio Occhipinti, 74 anni, la cui azienda, che si trova vicino Sampieri, precisamente in contrada Guarneri, a Scicli, è stata venduta all’asta. Ma il nipote dell’uomo ha deciso di incatenarsi al cancello per evitare che lo sfratto potesse avvenire. Insieme a lui, anche i Forconi

Quanto registrato ieri nella cittadina del Ragusano è l'ennesima vicenda che tira in ballo la gestione delle aste giudiziarie. Occhipinti sarebbe anche vittima di quello che potrebbe essere un errore giudiziario senza precedenti: sta pagando le rate del rientro ai creditori pur avendo perduto ogni suo bene. La domanda che si pongono i familiari è: com’è possibile che sia stato approvato il piano e si autorizza comunque lo sfratto?

Il gesto di protesta Giovanni Occhipinti, nipote del 74enne, ha portato a un rinvio dello sfratto in una vicenda che sta assumendo le caratteristiche di una telenovela. Si tratta del terzo. A sentirsi vittime di un'ingiustizia sono però anche gli acquirenti che circa due anni fa hanno comprato all’asta la proprietà di contrada Guarnieri. Con il provvedimento del giudice in mano, reclamano il diritto an entrare in possesso. Dal canto suo Occhipinti si ritrova con l'omologazione del piano di sovraindebitamento accettato dal 97,5 percento dei creditori. «Ho deciso di legarmi a questo cancello- ha spiegato il nipote - perché ritengo che mio zio stia subendo una grave ingiustizia da parte dello Stato. Il giudice deve dirci cosa dobbiamo fare: pagare i debiti o lasciare la proprietà». 

L'imprenditore 74enne nei giorni scorsi ha inviato una lettera alla procura, dichiarando di essere pronto a un gesto estremo pur di salvare la proprietà acquisita nel 1967. Quaranta ettari, oltre a terreni e capannoni, dove si trova anche la sua abitazione. «Siamo di fronte a un caso unico in Italia - dice il legale dell'uomo, l'avvocato Giorgio Danilo Giannone -. Il mio cliente ha già pagato alcune rate del piano di sovraindebitamento e, a gennaio, dovrà pagare la prossima, perché sfrattarlo?»

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×